La stagione è alle porte e la squadra è pronta a iniziare. Il capitano, Francesca Salaorni, non vede l’ora di mettersi in gioco insieme alle sue compagne di squadra.

Manca sempre meno all’inizio delle partite ufficiali: come vedi la squadra? L’amichevole con il Chievo, seppur persa, ha mostrato parità a livello di gioco: è una sconfitta che può comunque dare delle consapevolezze?

«Sì, finalmente domenica prossima inizieranno le gare ufficiali e ci troveremo di fronte il Ravenna in Coppa Italia. Sebbene fosse la prima partita dell’anno e la squadra abbia tanti nuovi innesti, sono rimasta notevolmente soddisfatta per la prestazione complessiva della squadra nel test – match contro il Chievo Verona. Vedo che le nuove si stanno integrando bene con le “veterane” e che nel gruppo inizia ad instaurarsi quel feeling indispensabile per potersi muovere all’unisono sul rettangolo di gioco. Fuori dal campo ci stiamo conoscendo e pian piano sono convinta che si creerà quell’alchimia che rende una squadra vincente».

Secondo te quale sarà l’avversaria più temibile in campionato?

«Senza dubbio l’asticella della difficoltà si è alzata rispetto alle stagioni precedenti. Tra le nostre avversarie penso che sulla carta abbia una rosa importante l’Inter, ma anche Empoli e Ravenna. In realtà sono tutte pericolose, non c’è nessuna squadra da sottovalutare, esattamente come non c’è nessuna squadra da temere. Si parte sempre con l’idea di affrontare una squadra per batterla, poi sarà il campo a decretare il vincitore».

Che cosa deve essere migliorato, a livello di squadra, prima dell’inizio della serie B?

«Ci sono cose da migliorare ora e ci saranno anche durante il campionato. A seconda di quello che lo staff riterrà necessario, noi lavoreremo con impegno per migliorarci sotto ogni aspetto possibile».

Quanto sei orgogliosa di essere stata riconfermata capitano?

«Sicuramente essere riconfermata capitano è motivo di orgoglio ma allo stesso tempo di responsabilità; è anche una possibilità di migliorarmi e crescere dove so di aver sbagliato la scorsa stagione».

Siete contente di disputare le gare casalinghe sul campo di Villafranca?

«Finalmente quest’anno il nostro campo per le gare casalinghe sarà il Comunale di Villafranca. Penso che sia un segnale della crescita che sta avendo il movimento femminile e che ci possa anche dare una maggiore visibilità. Essendoci anche le tribune mi auguro di vedere sempre molti sostenitori».

Riccardo Cannavaro
Foto: Graziano Zanetti Photographer
Copyright © Tutti i diritti riservati