Chievo Fortitudo Women – Sassuolo 1-5
Chievo Fortitudo Women: Ferrarini, Bonotto (cap.), Pachera (6’st. Mazzi), Zappa (1’st. Menegazzi), Malvezzi, Bernardi, Croin (6’st. Bottigliero S.), Cigolini, Schenato, Mele (19’ st. Sartori), Marcomini (28’st. Zoetti).
A disposizione: Magalini, Menegazzi, Bottigliero S., Sartori, Mazzi.
Allenatori: Crestani, Carazzato.
Sassuolo: Messori, Sassi, Rossi, Novelli S. (1’st. Benozzo), Zanni, Spallanzani, Fracas, Stirati, Pellinghelli, Remondini (1’st. Casini), Botti (1’st. Maretti).
A disposizione: Maretti, Novelli, Casini, Mosca, Benozzo, Coghetto.
Allenatore: Reami, Brandoli.

 

Dopo lo stop per maltempo della settimana scorsa, la Primavera torna in campo contro il Sassuolo, un’altra squadra ai vertici della classifica del girone d’andata. La sfida si prospetta molto impegnativa, e infatti la partita si sblocca a pochi minuti dal fischio d’inizio, in favore delle avversarie, quando Zanni, ricevuta palla al limite dal rimbalzo del tiro precedente sulla traversa, controlla e spara una cannonata, sorprendendo Ferrarini.

Il Sassuolo non si placa e la squadra di casa, ancora non entrata in ritmo partita si fa sorprendere nuovamente al 5’ da Zanni: pallone morbido a scavalcare la difesa, inserimento centrale e tiro che insacca la rete. A quel punto, le clivensi si riorganizzano e cominciano a fare pressione, intercettando numerosi palloni e spezzando  il gioco del Sassuolo. Al 20’ arriva anche la prima occasione gialloblù con Mele che, innescata da una punizione di Cigolini, colpisce di testa in prossimità del secondo palo. Ma il portiere è ben posizionato e con ottimi riflessi intercetta.

Manca ancora un guizzo, al Chievo Fortitudo Women, e dopo un contropiede Fracas, lasciata senza marcatura, insacca facile di testa un traversone per lo 0-3. Al 40’, un tiro del Sassuolo si stampa sulla
traversa, la palla torna in campo sulla testa di Zanni che schiaccia a terra, Ferrarini sfiora la palla ma non riesce a trattenere.

 

Nella ripresa i ritmi calano, la partita diventa equilibrata, e le gialloblù, nonostante lo svantaggio, combattono nelle mischie e recuperano palloni preziosi. Al 37’ arriva il gol meritato: punizione di Cigolini dai 30 metri che ribalza sulla traversa, la palla torna in campo, Bottigliero S. arriva per prima e pensa subito alla conclusione. La palla schizza sulla schiena del difensore del Sassuolo, si impenna, ma ricade spiovente dentro la porta. Al 43’ il Sassuolo non spreca l’unica vera occasione concessa dalle gialloblù nella ripresa: spizzicata di testa sbagliata dal nostro terzino, ne approfitta ancora Zanni per recuperare palla e crossare in mezzo per Fracas, che a rimorchio ferma il risultato sull’1-5.

Un risultato che non rende davvero merito alla prestazione della primavera clivense, beffata da una falsa partenza che ha reso complicato da subito rimontare. Un secondo tempo giocato alla pari dimostra come la squadra stia crescendo. Il cammino è quello giusto, testa quindi alla prossima partita.