Il momento della verità. Si può definite così la sfida che vedrà, domenica alle 14.30 a Vigasio, le gialloblù opporsi alla terza forza del campionato, la Lazio. La vittoria di Perugia ha confermato che la strada è quella giusta. Ora, con la sfida a una delle formazioni più quotate del campionato, si potrà vedere se il Cfw potrà viaggiare e rimanere nei piani alti della classifica oppure no. Lisa Faccioli, esperto difensore classe ’92, ci accompagna alla sfida di domenica.

Lisa, domenica a Perugia sono arrivati i tanto sospirati tre punti in trasferta. Questa vittoria può avervi dato la consapevolezza che il periodo difficile è alle spalle?

Aver portato a casa i tre punti in trasferta è stato importante. Serviva continuare a proseguire la striscia positiva e ci siamo riuscite. Crisi superata? Diciamo che ad inizio campionato non eravamo consapevoli del nostro valore. Adesso invece abbiamo capito che siamo una squadra con tante qualità che comincia a stare dove gli compete.

Domenica arriverà la Lazio. Si può dire che è il primo vero test importante dall’arrivo di mister Dalla Pozza?

Domenica si vedrà a che punto siamo e se possiamo competere con le prime della classe. La partita la stiamo preparando e vogliamo capire il nostro valore. All’andata abbiamo perso ma abbiamo giocato una delle più belle partite della stagione. E’ stata una partita molto combattuta e se finiva in pareggio non ci sarebbe stato niente da dire perchè abbiamo ben figurato.

Con l’arrivo di mister Dalla Pozza avete invertito la rotta: in quattro partite avete portato a casa tre vittorie e un pareggio mettendo in fila solo risultati positivi. A cosa è dovuto questo cambio di trend?

Mister Dalla Pozza ci chiede di giocare in modo diverso. Scendiamo in campo più aggressive cercando di non far giocare l’avversario per poi arrivare alla conclusione nel miglior modo possibile. Questo ci ha aiutato ma sicuramente da cosa nasce cosa: infatti dopo la prima e la seconda vittoria il morale si è alzato e abbiamo acquisito consapevolezza e sicurezza, due componenti che ci sono mancate a inizio di stagione.

Come valuti questa tua prima parte di stagione?

I primi mesi sono stati difficili a causa di un infortunio. Ad inizio stagione non sono riuscita a esprimere il mio miglior gioco mentre ora penso di essere in un buon stato di forma che mi permette di fare bene alla domenica. La società ci teneva ad avermi e spero di ripagare la fiducia.

L’obiettivo stagionale, ora che siete fuori dalla zona calda, rimane la salvezza?

L’obiettivo che ci deve essere ora, partita dopo partita, è quello di allontanarci il più possibile dalla zona play-out senza dimenticare di voler migliorare a ogni allenamento. Sappiamo che la squadra è stata costruita per stare in alto e non per giocarsi la salvezza e questo ci deve spingere a puntare in alto, ogni domenica.