Allieve, sconfitta di misura nella prima giornata di ritorno

Allieve, sconfitta di misura nella prima giornata di ritorno

Venezia c.f. – Fortitudo Mozzecane 2-1
Venezia: Luise, Milanese, Grossi, Enzo, Barzazi, Prosdocimo, Cavazzina, Gobbo, Squizzato, Mattiello, De Pellegrina
Allenatore: Bruzzone
Fortitudo: Ferrarini, Parente, Menegazzi, Bragantini, Veneri, Ronca, Quaini, Volpari, Sartori, Zanotti (Zanca), Colpo (Scè)
Allenatori: De Battisti, Ferrarini
Marcatori: Milanese, De Pellegrina (VE), Bragantini (Fortitudo)

Al comunale di Arino di Dolo (VE), è andata in scena una gara combattuta e caratterizzata dal grande equilibrio, fra le Allieve fortitudine e le ragazze del Venezia Calcio Femminile. Partita abbastanza equilibrata fin dall’inizio, giocata in gran parte al centro del campo. Il primo tempo si conclude in parità, sull’1-1 grazie a due gol su punizione per entrambe le squadre. Anche nel secondo tempo, la partita si svolge in gran equilibrio, senza grosse occasioni per nessuna delle due contendenti. Un bel tiro dalla distanza, però, porta il Venezia ancora in vantaggio. La Fortitudo prova a reagire con coraggio, e nel finale è la traversa colpita da Quaini a negare il gol del pareggio alle gialloblù, che tornano a casa a bocca asciutta.

Francesca Castagna
Foto: Pierangelo Gatto Photo
Copyright © Tutti i diritti riservati

Il week end delle piccole fortitudine

Il week end delle piccole fortitudine

Buon test precampionato per le giovanissime Esordienti gialloblù, al cospetto di una vivace e ben organizzata Roverbellese. Il clima freddo non ha di certo facilitato entrambe le compagini, che hanno dato vita ad un match equilibrato. Le giovani fortitudine sono state corsare nello sfruttare le occasioni favorevoli, nel terzo tempo di gioco, per gonfiare la rete ed archiviare la gara. Prossimo test, mercoledì 30 gennaio contro i pari categoria del Porto Mantovano, prima dell’inizio campionato previsto per il 2 febbraio.
Prestazione un po’ sottotono, invece, per le Pulcine, che non hanno trovato la giusta aggressività e intensità di gioco contro Santa Maria. Solo nel terzo tempo le gialloblù hanno trovato la riscossa, aggiudicandosi la frazione. Con la ripresa del campionato, l’obiettivo per le Pulcine è di tornare a essere le piccole guerriere viste nella prima metà della stagione.

Francesca Castagna
Foto: Pierangelo Gatto Photo
Copyright © Tutti i diritti riservati

Primavera: buon primo tempo, ma vince il Tavagnacco

Primavera: buon primo tempo, ma vince il Tavagnacco

Fortitudo Mozzecane- Comunale Tavagnacco 1-3

Fortitudo Mozzecane: Perina, Pachera, Menegazzi, Taverna (44’ st. Malvezzi) Bonfante, Adami, Zoetti, Rebecchi , Messetti, Croin (31′ pt. Scarcelli), Mele A (31’st Leon).

A disposizione: Rancan.

Allenatori: Malvezzi, Mirandola.

Comunale Tavagnacco: Fontana, Milan, Gallo, Pozzecco, Molinaro, Tic, Govetto (34′ st. Stella), Zhou, Iacuzzi, Grosso, Miotto (36′ st Diblas).

A disposizione: Miani, Nodale, Costan, Blasutto.

Allenatori: Iacuzzi

Marcatori: Govetto, Rebecchi, Diblas, Bonfante (Aut.)

Una sconfitta che lascia un po’ di amaro in bocca, per la Primavera Fortitudo, contro una potenza del campionato. Buon primo tempo delle nostre ragazze, che riescono a tenere testa molto bene alla prima del girone, cala però troppo il ritmo nel secondo tempo, e la superiorità fisica delle avversarie ha purtroppo la meglio nell’ultimo quarto di gioco.
Le gialloblù partono subito con una bella aggressività e si rendeono pericolose su calcio d’angolo, con Messetti che addomestica il pallone ma poi spara alto. Al 7′, però, è il Tavagnacco, alla prima occasione utile, ad andare in gol con Govetto, che appoggia indisturbata in porta dopo la respinta corta di Perina su un tiro dal limite. Le nostre ragazze non si demoralizzano, pressano costantemente nella metà campo avversaria, ma il Tavagnacco si difende con ordine. Al 20′ è ancora Messetti che ci prova con un potente tiro dal limite, che si abbassa però troppo tardi sopra la traversa. Il primo tempo prosegue molto combattuto ma, anche se la Fortitudo gioca spesso in zona offensiva, non riesce a trovare il guizzo decisivo.

Nella ripresa è il Tavagnacco a tenere alto il ritmo, e la Fortitudo comincia a risentire dei numerosi infortuni e delle assenze della giornata, faticando a ripartire. Ma al 17′ la nostra Primavera agguanta il pareggio con un’insaccata di testa di Rebecchi su corner. La Fortitudo prende coraggio, torna a farsi pericolosa, prima con una punizione di Taverna deviata all’ultimo e poi ancora su un corner insidioso di Zoetti, che attraversa indisturbato tutta l’area piccola. Al 37′, miracolo di Perina, che in tuffo riesce a salvare un tiro a due metri dalla porta da parte della punta del Tavagnacco. Passano però solo due minuti, al 39′ le avversarie trovano il vantaggio con Diblas: cross defilato rasoterra in area che taglia fuori tutta la difesa, la 15 controlla e con freddezza spiazza il portiere. Nei minuti di recupero è ancora Perina a salvare la porta gialloblù in un paio di occasioni. Al 93′ il Tavagnacco sigla il risultato finale di 1-3 con una deviazione sfortunata di Bonfante su tiro di Iacuzzi che sorprende il portiere.

Francesca Castagna
Foto: Pierangelo Gatto Photo
Copyright © Tutti i diritti riservati

La Fortitudo torna a stupire: tre reti all’Empoli

La Fortitudo torna a stupire: tre reti all’Empoli

EMPOLI – FORTITUDO MOZZECANE 1-3

Empoli: Lugli, Boglioni, Di Guglielmo, Esperti (12’ st De Rita), Prugna, Papaleo, Acuti, De Vecchis (27’ st Lo Vecchio), Parrini (1’ st Garnier), Morucci (1’ st Ness), Begic.

A disposizione: Hofer, Mazzella, Caucci, Ness, Garnier, De Rita, Lo Vecchio.

Allenatore: Pistolesi.

Fortitudo Mozzecane: Meleddu, Mele, Caliari, Signori (33’ st Bertolotti), Groff, Pavana, Pecchini, Carraro, Pinna, Benincaso (15’ st Peretti), Gelmetti (33’ st Martani).

A disposizione: Olivieri, Salaorni, Cinti, Bertolotti, Peretti, Borg, Martani.

Allenatore: Bragantini.

Arbitro: Mori (La Spezia).

Assistenti: Santini, Pampaloni.

Reti: Carraro 5’ pt, Carraro 18’ pt, Pinna 44’ pt, Begic 90’ st.

La Fortitudo torna ad essere Fortitudo, la squadra che sa colpire quando serve. Le ragazze di Bragantini riescono a portare a casa la sfida d’alta classifica in trasferta contro l’Empoli, imponendosi 1-3.

La gara si sblocca già al 5’ grazie a Carraro, che di sinistro riesce ad avere la meglio nella mischia in area di rigore e porta la sua squadra in vantaggio. Al 10’ viene sfiorato il raddoppio, quando Benincaso lancia Gelmetti con un filtrante ma Lugli, in uscita, riesce ad anticipare l’attaccante gialloblù. Il raddoppio è solo rimandato, visto che al 18’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Carraro infila la sfera in rete di testa e firma così la sua doppietta personale. L’Empoli non ci sta e prova la reazione d’orgoglio: al 25’ tiro delle padrone di casa che esce di poco e al 40’ è un palo che nega la gioia del gol alla squadra di Pistolesi. Partita in ghiaccio a fine primo tempo, quando Pinna sfrutta un filtrante di Gelmetti e insacca. 0-3.

La ripresa vede l’Empoli attaccare per provare a ribaltare il risultato. Meleddu al 28’ compie un miracolo su un colpo di testa ravvicinato. Il gol arriva, ma non crea problemi alle ospiti perché ormai è troppo tardi: al 90’ Begic realizza l’1-3, ma i tre punti li porta a casa la Fortitudo. La classifica vede ora le gialloblù a quota 24, a pari punti con il Ravenna e a meno uno dall’Empoli.

Riccardo Cannavaro
Foto: Graziano Zanetti Photographer
Copyright © Tutti i diritti riservati

Salaorni: «Ci meritiamo un bell’8»

Salaorni: «Ci meritiamo un bell’8»

Il girone d’andata si è chiuso con i tre punti, punti importanti che permettono alle gialloblù di rimanere attaccate a Empoli e Ravenna. Domenica, proprio a Empoli, ci sarà il giro di boa del campionato.

Con la Roma sono tornati i tre punti anche se la squadra non è sembrata brillantissima in certe situazioni. È una Fortitudo che deve ancora trovare la forma perfetta dopo Ravenna, Inter e Roma XIV?

«Con la Roma XIV era importante portare a casa i tre punti, anche se la squadra non espresso il bel gioco che l’ha contraddistinta nelle altre partite. Venivamo da una sconfitta pesante contro l’Inter e sapevamo che la vittoria avrebbe risollevato il morale. In certe occasioni non serve essere brillanti, ma efficaci, e così è stato».

Il girone d’andata è terminato. Che voto si merita fin qui la squadra?

«Sicuramente si tratta di un girone d’andata positivo, in cui la squadra ha saputo battersi e dimostrare il suo valore in tutte le partite. I risultati fin qua ottenuti sono figli, oltre che di un buon lavoro sul campo, anche di un gruppo coeso e compatto. La forza del gruppo, in più di una partita, ci ha permesso di portare a casa il risultato. Siamo a metà del nostro cammino e ci sono ancora tanti punti in palio. Si continua a lavorare per migliorarsi ancora e per raccogliere il più possibile nel girone di ritorno. Secondo ci meritiamo un bell’otto come voto».

Ad inizio stagione ti saresti aspettata una squadra capace di lottare per il vertice della classifica?

«Ad inizio stagione, devo essere sincera, ero a conoscenza del nostro potenziale, ma non conoscendo molte delle altre squadre non mi sono sbilanciata e non ho voluto trarre conclusione prima del tempo. A giochi fatti, mi sento di poter affermare che ci meritiamo di essere dove siamo».

La seconda parte di campionato inizierà subito con un’avversaria molto tosta, l’Empoli. Che partita ti aspetti?

«Domenica comincia la seconda parte di campionato e ci troveremo di fronte una delle avversarie più toste. Mi aspetto una partita ad alta intensità sia sul piano fisico sia sul piano del gioco. Di certo si tratta di una partita diversa da quella della scorsa settimana ed andrà affrontata in un altro modo».

Quale pensi che sia, tra le inseguitrici, la più temibile?

«Quest’anno, dato il livello superiore del campionato, ogni partita è fondamentale e tutte le squadre sono pericolose inseguitrici. Non si può sottovalutarne nessuna, sono tutte pericolose e a caccia di punti».

Questa Fortitudo ha mostrato tutto il suo potenziale o potrà stupire ulteriormente?

«Con l’allenamento e il lavoro il potenziale della squadra è in continua evoluzione. Dall’inizio della stagione siamo cresciute, partita dopo partita, e credo continueremo a farlo fino alla fine del campionato».

Riccardo Cannavaro
Foto: Graziano Zanetti Photographer
Copyright © Tutti i diritti riservati