Boni: «Ringrazio le ragazze che hanno dato tutto alla causa gialloblù»

Boni: «Ringrazio le ragazze che hanno dato tutto alla causa gialloblù»

La Fortitudo Mozzecane desidera ringraziare le giocatrici che la prossima stagione non vestiranno più i colori gialloblù. Il presidente della squadra Boni è dispiaciuto per le esclusioni, ma consapevole che sono operazioni da fare per il passaggio di categoria:

«Ogni anno, quando si arriva a fine stagione e bisogna iniziare a programmare la successiva, si è costretti a prendere delle decisioni spiacevoli, soprattutto quando si passa di categoria e si deve affrontare un campionato ancor più competitivo. L’obbligo di rinforzare la squadra costringe, a malincuore, a non riconfermare alcune ragazze che hanno dato tantissimo alla causa gialloblù. Ci tengo moltissimo a ringraziare Valeria Dal Molin, Chiara De Vincenzi, Elisa Fasoli, Alice Martani, Carolina Rotondo, Vanessa Venturini e Nana Welbeck per tutto ciò che hanno fatto per la Fortitudo. Auguro loro grandi successi in ogni ambito e spero che le nostre strade un giorno si rincontreranno. Un grazie speciale a Vanessa, che per dieci anni, con bravura e professionalità, ha difeso la nostra porta ed ha attaccato quella avversaria. Un grande abbraccio a Carolina, che ha espresso il suo affetto verso di noi in maniera commovente. Infine un grande in bocca al lupo ad Alice, che si è conquistata a suon di gol la scalata sul massimo palcoscenico e che, in un certo senso, ci rende orgogliosi per aver contribuito ai suoi progressi».

Riccardo Cannavaro
Copyright © Tutti i diritti riservati

Dalla Primavera alla serie B. Anita fa il salto di qualità

Dalla Primavera alla serie B. Anita fa il salto di qualità

La Primavera della Fortitudo continua il suo lavoro e lancia un’altra giovane in prima squadra. Anita Pegoraro, 19 anni, vivrà la sua prima stagione con le giocatrici più esperte in serie B nazionale. Avrà la possibilità di imparare e di crescere ulteriormente grazie all’avventura che a breve inizierà.

«Quando mi hanno comunicato il passaggio in prima squadra mi è venuta un po’ di ansia però, allo stesso tempo, sono molto contenta perché avrò la possibilità di vivere un’esperienza nuova e stimolante. Sono pronta a vivermela a pieno, anche se so che non sarà facile. Vengo da un infortunio e non ho lo stesso ritmo della altre mie compagne, però mi impegnerò al massimo e sono sicura che con impegno e sacrificio otterrò ciò che voglio. Spero di crescere molto».

Riccardo Cannavaro
Copyright © Tutti i diritti riservati

Da Malta a Mozzecane: la Fortitudo sceglie la Borg per l’attacco

La Fortitudo Mozzecane ha ufficializzato l’acquisto dell’attaccante maltese ventunenne Martina Borg. Si tratta di un arrivo importante e, per certi versi, simbolico, dato che è il primo acquisto di una giocatrice straniera da parte della società gialloblù.

«Ho iniziato a giocare con la squadra del mio villaggio, la Pembroke Athleta, e sono rimasta lì per sette anni. Successivamente ho giocato all’Hibernians, una delle squadre più forti della serie A maltese; sono stata in serie A quattro anni, vincendo tre campionati. La scorsa stagione ho giocato in Italia, in serie B, con l’Apulia Trani».

Martina ha le idee chiare su quello che sarà il suo primo anno nella nuova squadra:

«Ho scelto la Fortitudo perché voglio un’esperienza nuova in un campionato molto competitivo e intenso. Il mio obbiettivo è di giocare nel miglior modo possibile per la squadra e migliorare individualmente. La salvezza deve arrivare il prima possibile e dobbiamo, con il nostro calcio, divertirci e far divertire».

Un acquisto significativo dunque, che andrà a rinforzare l’attacco gialloblù. La giovane calciatrice di Malta scenderà in campo nella serie B nazionale e vivrà quindi un’esperienza calcistica importante, guadagnata la scorsa stagione a suon di ottimi risultati.

Riccardo Cannavaro
Foto: Graziano Zanetti Photographer
Copyright © Tutti i diritti riservati

Il capitano, Rachele e Silvia rispondono presente: pronte per la B nazionale

Non potevano mancare le conferme di alcune delle giocatrici più rappresentative della società. Francesca Salaorni, il capitano della squadra e trascinatrice in campo e fuori del gruppo; l’anno scorso è stata la guida delle ragazze, costringendo la squadra a non mollare mai in nessuna situazione. Rachele Peretti, che con i suoi gol e i suoi assist ha contribuito al raggiungimento del traguardo e ha formato, insieme a Martani e Gelmetti, un trio di assoluto valore. Infine Silvia Carraro, che con la sua grinta e forza è diventata in breve uno dei capisaldi del centrocampo gialloblù.

Francesca: «La scorsa stagione è stata molto lunga e impegnativa, ma anche gratificante. Siamo riuscite a ottenere ciò per cui abbiamo lavorato duramente. L’anno prossimo saremo tra le ventiquattro squadre più forti d’Italia e quello che mi aspetto è dimostrare il nostro valore e mantenere il posto nella categoria della serie B nazionale. Mi aspetto un campionato di un livello più alto e quindi ancora più stimolante. Ho deciso di rinnovare con la Fortitudo perché, dopo quindici anni, mi sento come a casa. Credo nella società e credo nel progetto che stiamo portando avanti. Sono arrivati nuovi elementi pronti a rinforzare una rosa già competitiva, quindi ci sono i presupposti per fare bene. Non mi restava che firmare (ride, ndr)».

Rachele: «La scorsa stagione è andata particolarmente bene. Abbiamo faticato un po’ all’inizio a mettere in pratica ciò che ci chiedeva il mister, ma abbiamo lavorato tanto e il risultato si è visto. Dobbiamo essere brave a ripartire da dove abbiamo finito, cercando di far inserire al meglio i nuovi innesti; ci impegneremo tutte per far sentire le nuove ragazze della Fortitudo parte del gruppo, sia in campo che fuori.  Ho rinnovato perché l’anno scorso abbiamo iniziato a costruire qualcosa che va completato questa stagione. Per sentirmi realizzata mi serviva decisamente un altro anno col mie compagne. La Fortitudo è la mia seconda famiglia e sono molto legata a questi colori. Darò il massimo».

Silvia: «Rimango alla luce di come è andato l’anno passato. Mi sono trovata bene col gruppo e con la società, e ci siamo guadagnate una categoria di alto livello. Mi sono posta una sfida personale perché era da tanti anni che non affrontavo un campionato del genere; ora voglio farlo da trentenne, con una nuova maturità e una nuova consapevolezza. Abbiamo le carte in regola per fare un buon campionato e prenderci le nostre soddisfazioni».

Riccardo Cannavaro
Foto: Graziano Zanetti Photographer
Copyright © Tutti i diritti riservati