DOPPIA RIMONTA

DOPPIA RIMONTA

AZALEE – FORTITUDO MOZZECANE = 2 – 2

Reti: 12’ De Luca (Rig), 25’ De Vincenzi, 61’ Cassataro, 78’ Salaorni

AZALEE Arcidiacono Barbini Kote Fransato Segalini Del Raso Cassataro Czeczka Peripolli (75’ Seghetto) Tamborini (46’ Graziotto) De Luca AD Moro Crestan Brunini Antonello Sartore All Gerbino

FORTITUDO Olivieri Fasoli Sossella (76’ Welbeck) Rasetti (88’ Signori)Salaorni Caliari Peretti Piovani Martani (70’ Zorzi) Caneo De Vincenzi AD Venturini Zangari Dal Molin All Comin

 

Arbitro:  Edoardo Papale di Torino

Ammonite:  Salaorni, Kote, Czeczka

Espulse:

 

Non è stata una gran bella partita, ma su un campo di patate dove giocare a calcio era quasi impossibile la Fortitudo ha fatto quello che ha potuto ed è riuscita a tornare casa con un punto più che meritato. Si ribadisce quindi il risultato dell’andata seppur con numero di reti dimezzate. Alla Fortitudo il merito di aver saputo rimontare per due volte lo svantaggio a dimostrazione di carattere e volontà. Da segnalare il positivo rientro in squadra dopo un lungo infortunio della Signori.

 

Dopo pochi minuti ed un paio di scambi fatti bene che mettono in condizione Rasetti di appoggiare indietro per Caneo il cui tiro all volo sorvola la traversa; subito dopo una grande apertura di Piovani pesca Martani larga a sinistra e sul suo cross De Vincenzi e poco convinta nell’aggredire la palla; al 11′  una punizione a giro della De Luca all’incrocio dei pali viene tolta con una stupenda deviazione in corner dalla Olivieri probabilmente il migliore  gesto tecnico della partita; dal corner purtroppo scaturisce un fantomatico rigore; De Luca stramazza al suolo semplicemente coperta alle spalle dalla Caliari ed il signor Papale, unica eccezione presente sull’impianto gallaratese, vede un intervento falloso; la stessa De Luca trasforma con sicurezza; al 19’ De Vincenzi perde palla sulla ¾ e sulla palla rimbalzante la pronta De Luca impegna Olivieri con un bel tiro dalla distanza; al 21’ il portiere locale non trattiene una facile palla, Rasetti non ne approfitta, ma poi Martani dal limite dell’area indovina una traiettoria perfetta che sbatte sotto la traversa, rimbalza sulla linea, senza trovare compagne pronte ad intervenire; al 25’ ancora una bella azione della Martani sulla sinistra che riesce a mettere palla al centro dove De Vincenzi in girata trova l’angolino per l’uno a uno; ultimi 20 minuti del primo tempo senza troppi sussulti.

 

Al 48’ Fransato s’impappina al limite dell’area ma De vincenzi invece di puntare il portiere calcia frettolosamente svirgolando la palla; ancora De Vincenzi al 50’ taglia perfettamente il campo con una palla che Martani non riceve perché anticipata in corner in extremis; dal corner la palla arriva sul fronte opposto alla Peretti che controlla e scaglia un destro sibilante sopra la traversa; al 60° un fuorigioco non segnalato lancia la Barbini che impegna ancora Olivieri alla deviazione in corner; al 62° Sossella potrebbe spazzare palla sulla zona destra dell’area, ma De Vincenzi viene anticipata e la palla ritorna alla Graziotto che riesce a mettere la palla al centro trovando Cassataro  sul dischetto abile a trafiggere l’incolpevole Olivieri; al 66° De Vincenzi si destreggia bene sulla destra e spara un tiro che Arcidiacono para a terra; al 78’ una punizione ben calibrata della Peretti trova la bellissima deviazione volante di destro della Salaorni che pareggia i conti; prima del termine una fuga della Rasetti sulla destra permette un assist al centro per la Zorzi che purtroppo s’impappina sul più bello.

 

Domenica 5 Febbraio la Fortitudo ospiterà sul terreno amico di San Zeno il Clarentia Trento, formazione con molti più punti delle veronesi ed un organico di tutto rispetto, per cui se la Fortitudo vorrà ritrovare la vittoria Salaorni & Company dovranno esprimersi tutte al massimo delle loro possibilità. Da segnalare la partecipazione di una folta rappresentanza gialloblù alla trasmissione Calcio Champagne in onda su Rai 2 sabato sera 4/2 verso le 22.30.

Giuseppe Boni

Fortitudo Mozzecane, il girone di andata in numeri

Fortitudo Mozzecane, il girone di andata in numeri

Mozzecane, i numeri del girone di andata: l’età media? 19,6 anni. Martani a segno 2 volte al 22°. I falli subiti? 31 con l’Orobica. E Peretti è a 170 presenze gialloblù

Il girone di andata in cifre, da 0 a 2017. Un cammino lungo tredici tappe e 1.227 minuti, dal pareggio inaugurale con l’Azalee alla sconfitta contro il Fimauto Valpolicella di domenica scorsa. Ad ogni numero è abbinata una curiosità, per spaziare a 360° nel mondo Fortitudo Mozzecane tra presenze, minuti, gol, assist e record. A cominciare dalla classifica: già, perché le ragazze allenate da Fabiana Comin, al giro di boa, occupano l’ottava posizione avendo totalizzato diciassette punti, frutto di quattro vittorie, cinque pareggi e quattro sconfitte. Le cifre più ricorrenti? Il 2 con otto statistiche, poi il 4 con sette, il 3 con sei, l’1, il 5 e l’11 con cinque, il 6 e il 13 con quattro, e il 12, il 17 e il 22 con tre.

0 – Le espulsioni subite dalle ragazze di Fabiana Comin. Per la precisione, però, specifichiamo che il viceallenatore Marco Borgese ha preso 1 «rosso»;

0 – Le presenze di Signori. Per problemi fisici, Francesca non gioca una partita di campionato dal 31 gennaio 2016 (Real Meda-Fortitudo Mozzecane 1-1);

1 – Il rigore parato da Venturini contro l’Orobica. Il tiro respinto a Luana Merli rappresenta il primo penalty neutralizzato da Vanessa in carriera;

1 – Caneo non aveva mai segnato nella giornata numero uno di un campionato. Zoe c’è riuscita in questa stagione, contro l’Azalee;

1 – Un solo autogol, precisamente di Valentina Sossella contro il Real Meda;

1 – I rigori ricevuti e incassati: il Mozzecane ha conquistato un penalty contro l’Azalee, realizzato poi da Veronica Brutti, mentre se n’è visto fischiare uno contro l’Orobica, parato appunto da Vanessa Venturini;

1 – Francesca Rasetti, entrata dalla panchina, è stata in campo 1 minuto contro la Pro San Bonifacio;   

2- I gol di Peretti contro il Vicenza. Rachele è l’unica gialloblù ad aver segnato più di una rete in un solo match;

2 – Le partite disputate da Malvezzi, entrambe da titolare e per intero. Con Letizia in campo, la Fortitudo ha sempre vinto e non ha mai subito gol;

2 – Le sfide senza ottenere un calcio d’angolo a favore, per di più di fila (Pro San Bonifacio e Riozzese);

2 – Le reti realizzate da Welbeck. Nana ha così superato il record personale di centri messi a segno in unico campionato di serie B, ossia 1 nel 2015/16);

2 – Gli assist vincenti forniti da Peretti e Dal Molin in un solo incontro: Rachele contro il Südtirol Damen, Valeria contro il Clarentia Trento;

2 – I gol siglati di testa. Le autrici? Nana Welbeck contro il Clarentia Trento e Alessandra Zangari contro il Real Meda;

2 – Le marcature di De Vincenzi. Chiara ha eguagliato il numero di reti realizzate nello scorso torneo ma colpendo prima in ordine di tempo: nel 2015/16 i centri arrivarono alla 12ª giornata (Fortitudo Mozzecane-Orobica 1-1) e alla 18ª giornata (Fortitudo Mozzecane-Villacidro 6-1), mentre nel 2016/17 alla 7ª giornata (Fortitudo Mozzecane-Vicenza 4-1) e alla 8ª (Azzurra San Bartolomeo-Fortitudo Mozzecane 1-1);

2 – Il numero di successi e k.o. consecutivi. Vittorie: Unterland Damen (0-3) e Vicenza (4-1) tra la 6ª e la 7ª giornata, e Riozzese (0-2) e Südtirol Damen (5-0) fra la 10ª e l’11ª giornata. Sconfitte: Inter Milano (0-4) e Fimauto Valpolicella (2-0) tra la 12ª e la 13ª giornata;

3 – Martani è andata in gol per tre gare di fila, contro Pro San Bonifacio, Riozzese e Südtirol Damen. Alice è l’unica gialloblù ad esserci riuscita;

3 – I ruoli ricoperti da Beatrice Piovani: mezz’ala, attaccante e vertice basso del centrocampo;

3 – I match in cui Olivieri è rimasta imbattuta: Milan Ladies (0-0), Unterland Damen (0-3) e Riozzese (0-2). Dopo tredici incontri di campionato, questo è un record per Francesca;

3 – Le ammonizioni prese da Salaorni. Francesca è la più «cattiva» della rosa, essendosi vista sventolare davanti il maggior numero di cartellini, e ha superato la quota di «gialli» subiti in un solo torneo, in precedenza due;

3 – I minuti impiegati da Mia Zorzi, entrata in campo dalla panchina, per realizzare il suo primo gol in B (contro l’Unterland Damen);

3 – I gol segnati su punizione: Veronica Brutti contro il Real Meda, Francesca Salaorni contro l’Unterland Damen e Rachele Peretti contro il Vicenza. Se al conto aggiungiamo il rigore di Brutti contro l’Azalee e l’incornata di Nana Welbcek contro il Clarentia Trento, le marcature da calcio piazzato diventano 5;

4 – Le sconfitte: Orobica (3-0), Pro San Bonifacio (1-2), Inter Milano (0-4) e Fimauto Valpolicella (2-0);

4 – Le sfide terminate senza incassare reti: Milan Ladies, Unterland Damen, Riozzese e Südtirol Damen;

4 – Il k.o. più pesante è stato Fortitudo Mozzecane-Inter Milano 0-4;

4 – Gli assist dati da Valeria Dal Molin e Rachele Peretti, entrambe in cima alla speciale classifica gialloblù dei passaggi vincenti;

4 – I successi: Unterland Damen (0-3), Vicenza (4-1), Riozzese (0-2) e Südtirol Damen (5-0);

4 – La striscia massima di risultati utili di fila, stabilita tra la 5ª e la 8ª giornata (un pareggio e tre vittorie);

4 – Il numero massimo di gol subiti in un solo incontro: Fortitudo-Azalee 4-4 e Fortitudo-Inter Milano 4-0;

5 – I pareggi: Azalee (4-4), Clarentia Trento (2-2), Real Meda (3-3), Milan Ladies (0-0) e Azzurra San Bartolomeo (1-1). Nessuno, nel girone C, ha totalizzato così tanti pari;

5 – Le volte in cui il Mozzecane è passato in vantaggio dallo 0-0. In queste cinque occasioni, a fine gara la Foritudo non ha mai perso (quattro successi e un pareggio);

5 – La vittoria più larga è stata Südtirol Damen 5-0

5 – Il numero massimo di reti realizzate in un’unica sfida: Fortitudo-Südtirol Damen 5-0;

5 – Le gialloblù doc. Giulia Caliari, Zoe Caneo, Rachele Peretti, Francesca Salaorni e Vanessa Venturini hanno iniziato la carriera, da bambine, nel settore giovanile della Fortitudo e oggi giocano in prima squadra. Inoltre, se prendiamo in considerazione pure Letizia Malvezzi e Chiara De Vincenzi (provenienti dalla Primavera di casa), le calciatrici del Mozzecane cresciute nel vivaio sono 7; 

6 – Le gare consecutive a segno: Unterland Damen, Vicenza, Azzurra San Bartolomeo, Pro San Bonifacio, Riozzese e Südtirol Damen;

6 – La rete più veloce del campionato gialloblù l’ha siglata Rachele Peretti al 6’ del primo tempo contro il Südtirol Damen;

6 – Le ragazze della Fortitudo che nel 2016/17 hanno esordito in serie B: Alice Martani, Valeria Dal Molin, Elisa Fasoli, Alessandra Zangari, Mia Zorzi e Letizia Malvezzi;

6 – I gol di Peretti. Rachele è il capocannoniere del Mozzecane;

7 – Le partite dove la Fortitudo è andata in svantaggio dallo 0-0. In nessuna di tali occasioni, la formazione di Fabiana Comin è riuscita a vincere (tre pareggi e quattro k.o.);

7 – I mesi distanza dall’ultima gara da titolare in campionato di Elisa Fasoli: l’ex difensore dell’Agsm Verona ha debuttato dall’inizio in serie B contro il Milan Ladies lo scorso 13 novembre, ma non scendeva in campo dal primo minuto da Vicenza-Agsm Verona del 20 aprile (giornata conclusiva del campionato Primavera);

8 – Le reti realizzate e prese in trasferta. Il Mozzecane è la terza miglior difesa esterna del girone C;

8 – La Fortitudo ha chiuso il girone di andata in ottava posizione;

9 – Alice Martani è la gialloblù più sostituita: 9 volte;

9 – Le marcature incassate nella ripresa;

10 – Alessandra Zangari è la gialloblù più subentrata a gara in corso: 10 volte;

10 – I gol subiti in totale tra i 15 minuti iniziali dei primi e dei secondi tempi;

11 – Le calciatrici di Fabiana Comin in gol: Rachele Peretti (6 reti), Alice Martani (5), Chiara De Vincenzi, Zoe Caneo, Nana Welbeck (2), e Beatrice Piovani, Alessandra Zangari, Francesca Salaorni, Mia Zorzi, Valeria Dal Molin e Francesca Rasetti (1). Al conto, per la precisione, andrebbe aggiunta Veronica Brutti (2 gol), in rosa fino al 29 novembre, e in questo caso le marcatrici sarebbero 12;

11 – Le reti segnate dalla distanza;

11 – Le presenze di Olivieri. In carriera, alla fine di un girone di andata, Francesca non aveva mai giocato tanto;

11 – I match disputati da De Vincenzi. Al giro di boa, Chiara è scesa in campo lo stesso numero di sfide di una stagione fa, quella del suo debutto in B;

11 – I gol arrivati sommando gli ultimi 15 minuti tra primo e secondo tempo;

12 – I centri totali messi a segno nelle prime frazioni;

12 – Contro il Vicenza, Rachele ha trovato la dodicesima doppietta con la maglia della Fortitudo fra serie A, serie A2/B e B (quando quest’ultima rappresentava il terzo livello del calcio femminile in Italia);

12 – Le apparizioni consecutive da titolare di Valeria Dal Molin su 13 presenze;

13 – Le reti fatte nelle seconde frazioni;

13 – Le reti incassate nei primi tempi;

13 – Le partite disputate nel girone di andata;

13 – Le presenze in campionato di Francesca Salaorni, Giulia Caliari, Nana Welbeck, Beatrice Piovani, Valeria Dal Molin, Rachele Peretti e Zoe Caneo. Le sette gialloblù hanno pertanto giocato tutte le gare. 

14 – Malvezzi ha esordito in serie B (contro l’Unterland Damen) a 14 anni e 337 giorni. Curiosità: Letizia, classe 2001, è la gialloblù più giovane della rosa;

14 – I gol presi in casa;

15 – Il maggior numeri di tiri subiti in un’unica sfida, ad opera del Real Meda;

17 – Le reti realizzate tra le mura amiche;

17 – I punti in classifica alla fine del girone di andata;

17 – Le calciatrici utilizzate dal tecnico Fabiana Comin. Al conto, per la precisione, andrebbe aggiunta Veronica Brutti, in rosa fino al 29 novembre, e in questo caso le giocatrici impiegate sarebbero 18;

18 – La rosa della Fortitudo è composta da diciotto atlete (fino al 29 novembre, con Veronica Brutti, erano 19);

19,6 – L’età media della squadra. Il Mozzecane, con 19,6 anni media, è una delle formazioni più giovani della serie B;

20 – Il maggior numero di falli commessi in una sola partita, contro l’Azalee;

22 – Le reti incassate in totale;

22 – Gli anni di Francesca Salaorni, per la prima volta capitano della Fortitudo prima squadra;

22 – Il minuto della prima frazione in cui Alice Martani ha segnato sia contro l’Azalee che contro la Riozzese;

25 – I gol siglati in totale;

31 – Il maggior numero di falli subiti in un’unica sfida, ad opera dell’Orobica;

33 – Il maggior numero di tiri effettuati in una sola gara, contro il Südtirol Damen;

35 – Le partite disputate di fila da Piovani tra il campionato 2015/16 e il 2016/17. Da quando ha debuttato in serie B, Beatrice è scesa in campo in ogni match;

50 – I giorni di attesi dalla Fortitudo, dall’inizio del torneo, per centrare la prima vittoria;

60 – Le presenze di Valentina Sossella in serie A2/B tagliate contro il Südtirol Damen;

66 – I minuti giocati da Zorzi contro la Riozzese. Questo è il match dove Mia è rimasta di più in campo;

70 – Valentina Sossella è tornata titolare (contro l’Inter Milano) 70 giorni dopo l’infortunio al ginocchio subito contro l’Orobica;

80 – Le presenze con la Fortitudo in serie A2/B raggiunte da Giulia Caliari contro l’Inter Milano;

95 – Le gare disputate in totale da Zoe Caneo in maglia Mozzecane;

99 – L’incontro più lungo del girone di andata gialloblù è stato Fortitudo-Real Meda: 99 minuti (recuperi compresi);

170 – Le apparizioni di Peretti con il Mozzecane tra serie A, A2/B e B (quando quest’ultima rappresentava il terzo livello del calcio femminile italiano). Rachele è l’atleta della rosa che vanta il maggior numero di presenze in gialloblù; 

188 – Al di là di Francesca Signori, mai scesa in campo, la calciatrice meno utilizzata è Vanessa Venturini: 188 minuti;

230 – Nel girone di andata, la formazione di Fabiana Comin è rimasta a digiuno di gol al massimo per 230 minuti, tra il gol di Veronica Brutti contro il Real Meda (3ª giornata) e la punizione di Francesca Salaorni contro l’Unterland Damen (6ª giornata);

252 – La Fortitudo è riuscita a non prendere reti, al massimo, per 252 minuti, dal gol di Luana Merli (Orobica, 4ª giornata) a quello di Sofia Bruzzo (Vicenza, 7ª giornata);

396 – I minuti in cui il Mozzecane non ha incassato marcature nei secondi tempi. La striscia è durata per oltre sette incontri, dal centro di Luana Merli (Orobica, 4ª giornata) a quello di Valentina Velati (Inter Milano, 12ª giornata);

428 – I minuti disputati da Rasetti dopo tredici match. Francesca ha migliorato lo score della passata stagione, quando giocò per 351 minuti nel girone di andata;

1.227 – I minuti disputati dalla Fortitudo nel girone di andata (recuperi compresi). Solo due atlete hanno totalizzato tutti i 1.227 minuti: Francesca Salaorni e Giulia Caliari;

1992 – Rachele Peretti, classe 1992, è la gialloblù più esperta;

1995 e 1998 – Gli anni di nascita più presenti in rosa. Nel 1995 sono nate Giulia Caliari, Valentina Sossella, Zoe Caneo e Francesca Rasetti, mentre nel 1998 sono nate Francesca Olivieri, Elisa Fasoli, Mia Zorzi e Alessandra Zangari;

2017 – L’anno del ventennale della società, fondata appunto vent’anni fa.

Matteo Sambugaro

Foto: Graziano Zanetti Photography

Copyright © Tutti i diritti riservati

DERBY INDIGESTI

DERBY INDIGESTI

VALPOLICELLA – FORTITUDO MOZZECANE = 2 – 0

Reti: 16’ Mascanzoni De, 71’ Faccioli

VALPOLICELLA: Visentini, Faccioli, Salamon (56’ Galvan), Solow, Bissoli, Usvardi (55’ Carradore), Magnaguagno (54’ Capovilla), Mascanzoni De, Mascanzoni Da, Boni, Tombola  AD meleddu, hannula, dempster, Zamarra All Zuccher

 

FORTITUDO: Olivieri, Fasoli, Welbeck (85’ Zorzi), Dal Molin, Salaorni, Caliari, Peretti, Piovani (80’ Zangari), Rasetti (57’ Martani), Caneo, De Vincenzi AD Venturini, Sossella, Malvezzi, Signori All Comin

 

Arbitro:  Senthuran Lingamoorthy di Genova, Assistenti  di

Ammonite:  Caliari, Peretti

Espulse: 67’ Tombola

La Fortitudo perde il derby anche contro il Valpolicella in una partita per certi versi simili a quella di un mese fa contro il San Bonifacio. Ancora una volta si torna a casa con l’amaro in bocca perché l’avversario, primo in classifica, almeno fino al 2-0 non ha dimostrato di essere superiore alla Fortitudo ed è un po’ questo il maggior cruccio. La formazione mozzecanese non ha saputo trarre nessun vantaggio dalla superiorità numerica, anzi ha subito il 2-0 e poi è praticamente scomparsa dal campo. Preoccupa un po’ il calo fisico del secondo tempo (avvenuto anche contro l’Inter nel turno precedente) e la mancanza di idee, spunti, coraggio e conclusioni degli attaccanti gialloblù. Da segnalare che le due reti valpolicellesi sono state segnate entrambe da due ex gialloblù.

Dopo una breve fase di studio arriva una punizione della Boni che pesca in area una smarcatissima Faccioli che per fortuna alza la mira; due minuti dopo (10’) ribatte la Peretti con una punizione diretta che da l’illusione del goal sfiorando la traversa;  al 16’ la Tombola si libera bene fuori area e spara un destro improvviso che sbatte sull’incrocio dei pali, ritorna in campo dove trova Mascanzoni Deborah che non ha difficoltà ad effettuare l’appoggio in rete; il fuorigioco appare evidente ma ne arbitro, ne guardalinee se ne accorgono e le furiose proteste in campo e fuori portano solo cartellini gialli; al 20’ Caneo ben smarcata in area invece di puntare la porta effettua un vano retropassaggio all’indietro; al 25’ Welbeck perde palla malamente per cui Mascanzoni Dayana serve al centro Mascanzoni Deborah che questa volta spara alto; al 38’ un’ottima azione corale ospite si sviluppa sulla dx tra De Vincenzi e Rasetti, la palla giunge in lunetta per Peretti che inspiegabilmente affretta il tiro colpendo male la palla che sorvola la traversa.

Al 50’ un incomprensione delle due centrali permette alla Boni di servire sulla dx la Magnaguagno che sparacchia a lato dal limite dell’area; al 58’ la più bella manovra gialloblù della partita pesca in area la De Vincenzi che si presenta a tu per tu con la Visentini ma le spara addosso una palla d’oro e sulla ribattuta Rasetti non è pronta ad insaccare il pareggio; al 64’ doppia ammonizione ravvicinata per la Tombola che lascia in 10 la sua squadra; al 71’ è il Valpolicella a sviluppare una bella azione con Boni sulla sx brava a cambiare gioco per l’inserimento opposto della Faccioli sul cui tiro al volo ci scappa la deviazione della Welbeck che mette fuori gioco la Olivieri; la partita della Fortitudo termina qui e solo un grande intervento della Olivieri in uscita sulla Capovilla (79’) ed il palo alla sua sinistra (85’) non  consentono un punteggio più pesante ed immeritato.

Termina così il girone d’andata e riparte immediatamente il girone di ritorno che vedrà la Fortitudo recarsi a Gallarate per incontrare le Azalee, una formazione che ha sempre dato filo da torcere al Mozzecane. Mister Comin è chiamata in breve tempo a trovare delle soluzioni per rendere un po’ più incisivo e concreto l’attacco gialloblù.

Giuseppe Boni

PRI: Bella prestazione

PRI: Bella prestazione

COPPA VENETO

FORTITUDO MOZZECANE- US ISERA= 4-0

Fortitudo Mozzecane: Perina (capitano) (89° Pens), Valenza (77° Mazzi), Mele C., Bottigliero S., Malvezzi, Bonfante, Scarcelli, Menegazzi, Malaghini, Bottigliero A. (56° Adami F.), Zoetti (69° Mele A.).

A disposizione: Pena, Adami F., Adami G., Mele A., Tinelli, Mazzi.

U.S. Iera: Niosi, Maffei (56° Vianini), Festi, Planchestainer (capitano), Pedrotti, Torboli, Chemotti, Trevisan, Monaco, Bertolini, Bertucci (51° Frisanco).

A disposizione: Frisanco, Vianini.

Oggi la Fortitudo affronta in casa la squadra di Isera.

Le ragazze della Fortitudo scendono in campo molto determinate per cercare di risollevare un po’ lo spirito di squadra visti gli ultimi risultati deludenti.

Dopo un lungo periodo di assenza Zoetti torna in campo e regala il vantaggio alla sua squadra dopo solo 10 minuti.

La Fortitudo è, per la  maggior parte di questo primo tempo, nella metà campo avversaria, ma nonostante questo fatica un po’ a creare occasioni pericolose e a provare il tiro dalla distanza. Le avversarie trentine si difendono bene e provano a mettere in difficoltà la difesa delle ragazze di casa, che però non fa passare nulla. L’Isera al 35° crea un’azione pericolosa, agevolata anche da un un po’ di confusione e da un calo di concentrazione del reparto difensivo della Fortitudo; ma fortunatamente il risultato resta invariato sull’ 1-0.

Le ragazze della Fortitudo cercando di rimboccarsi nuovamente le maniche e di migliorare il loro vantaggio. Scarcelli con un buon inserimento da destra porta la sua squadra +2. Bell’occasione per l’Isera su calcio di punizione, che però finisce, anche se di poco, fuori dalla porta. Il primo tempo si conclude  con il risultato parziale di 2-0.

Il secondo tempo riparte ma le ragazze della Fortitudo sembrano avere ancora con la testa negli spogliatoi e le avversarie ne approfittano sfiorando il goal, ma la porta è ben difesa. Questo aiuta la Fortitudo a ritrovare la grinta e la concentrazione, anche se non riesce a sfruttare al meglio due belle occasioni da goal. Anche l’Isera ha la possibilità di accorciare le distanze ma, dopo un uno contro uno con il portiere, la palla finisce sopra la porta. Le ragazze di casa hanno un buon ritmo e cercano di sfruttare al meglio ogni azione. Al 81° Mele A., all’esordio nella formazione della primavera, trova il goal, grazie ad un buon passaggio filtrante di Bottigliero S. La Fortitudo non molla e grazie ad un ottimo calcio di punizione di Malvezzi arriva il 4-0.

Buona la prestazione di oggi. Vittoria meritata che arriva dopo un periodo buio per la formazione gialloblù che riesce a riscattarsi e a mettere in capo grinta e determinazione.

Valentina Bindella

P7 – RIVOLUZIONE e RIPARTENZA

P7 – RIVOLUZIONE e RIPARTENZA

QUADERNI – FORTITUDO MOZZECANE =   0- 3 (0-2, 1-5, 0-4) 

Fortitudo:  Leonora, Guernelli, Bertaiola, Bonetto (Dal Molin), Zampini (Martari) All. Boni

Reti: Dal Molin (5), Martari (3), Zampini (2) 

Dopo la pausa invernale è ripresa l’attività giovanile della Fortitudo, attività ripartita con forti novità. A causa del cospicuo numero di ragazze associate e con l’intento di dare a tutte la possibilità di giocare il più possibile sono state iscritte ai campionati primaverili tre squadre: esordienti a 11 (tra l’altro classificate nel gruppo Elite), esordienti a 9 e pulcine a 7 o primi calci a 5. Ferrarini e Debattisti rimangono alla guida della esordienti a 11, Salaorni e Caneo saranno i misters delle esordienti a 9 e Boni con Mulatti e Venturini si metteranno al timone delle più piccole. In vista delle prime gare ufficiali previste per l’11 Febbraio si succedono le amichevoli e le più piccole, completamente rinnovate, hanno fatto vedere di saperci fare incontrando i bambini del Quaderni. Tante reti, ma soprattutto tante azioni corali interessanti e promettenti.