PRI: GRAN BELLA PARTITA

VERONA – FORTITUDO= 2-1
VERONA: Forcinella, Cavalca, Fasoli, Soffia, Ambrosi, Mizzon (87’ Meneghini), Zangari, Nichele (55’ Osetta), Bettinardi (46’ Zorzi), Dal Molin, Pasini (80’ Salvaro) AD Fenzi, Dal Barco, Prando Allenatore Comin
FORTITUDO: Terrazzani, Malvezzi, Adami G, Ciresola (55’ Gastaldelli), Costantini, Dellera (52’ Venturelli), De Vincenzi, Bertolotti, Piovani, Magalini (65’ Bottigliero) AD Perina, Adami F, Valenza, Scarcelli Allenatore De Vincenzi
Reti: Piovani, Zorzi, Pasini
Arbitri:  –
Ammonite: Mizzon, De Vincenzi
La vittoria sorride alle padrone di casa ma il pareggio sarebbe stato sicuramente più giusto; nel primo tempo la Fortitudo ha mostrato una discreta superiorità ma non ha sfruttato a dovere alcune situazioni che meritavano miglior sorte; nel secondo tempo il Verona è partito a mille, ha sorpreso la Fortitudo ed in pochi minuti ha ribaltato il risultato. E stata comunque una bella partita, intensa, tirata fino al 93° ed utile ad ambedue le formazioni per crescere. Si è notata la differenza di allenamento (tenuta e velocità) tra le giovani cittadine (molte delle quali si allenano con la prima squadra ed ovviamente ai ritmi imposti da quella categoria) e quelle mozzecanesi, ma vanno sicuramente i complimenti a tutte le contendenti “in campo” per la correttezza e lealtà dimostrata.
Al 5’ Caneo serve Bertolotti che sferra un bel diagonale fuori di poco; al 10’ Piovani innescata dalla Adami sciupa una grande occasione regalando palla al portiere; al 20’ Soffia si presenta in area e sferra un gran destro sul quale Terrazzani compie un intervento basso strepitoso deviando in corner; al 31’ Caneo ancora su Piovani che dopo esser rientrata verso l’area spara un tiro che impegna ancora Forcinella; al 40’ punizione della Adami al centro, spizzicata di testa che finisce sui piedi della Piovani, pronta ad insaccare sotto la traversa.
La svolta della partita avviene al 50’ quando Piovani ben lanciata da Caneo si presenta a tu per tu con Forcinella cercando la conclusione diretta invece di assistere la smarcatissima De Vincenzi sul 2° palo; dalla ripartenza nasce il goal del pareggio causato da un errato disimpegno prima della Magalini e poi da uno sfortunato rimpallo tra Terrazzani e Dellera che permette alla neo-entrata Zorzi di infilare lo 1-1 a porta sguarnita;  al 53’ Caneo in velocità brucia il difensore, ma poi invece di puntare la porta si allarga e il pericolo sfuma; al 56’ su un lungo cambio di cambio Venturelli salta a vuoto ed allora Pasini si aggiusta la palla e spara un tiro bellissimo dal limite che s’insacca all’incrocio dei pali; al 68’ Bertolotti pesca benissimo Bottigliero sulla sx che viene contratta in corner sul più bello; al 74’ Piovani cambia fronte per Gastaldelli che controlla bene, rientra sul suo piede ma non conclude; al 78’ ancora Bottigliero pennella dalla sx, ma Gastaldelli viene anticipata da Cavalca di testa; al 86’ un corner lunghissimo pesca Ambrosi sul 2° palo che va col piede sbagliato; al 89’ Dal Molin spizzica l’incrocio dei pali su punizione ed al 91’ Caneo su punizione spara un bolide che sibila a pochi cm dal palo e dal pareggio.
Importante, per chi leggerà questo articolo, ricordare che al volante non è possibile permettersi DISTRAZIONI (per esempio usare il telefonino) visto che l’imponderabile è sempre in agguato.
AL VOLANTE: “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’. E poi ti saluto per sempre”.
Giuseppe Boni

P7: IRRICONOSCIBILI

FORTITUDO MOZZECANE – TREVENZUOLO =   0 – 3 (0-5,0- 2, 0-5)

Fortitudo: Giovannini, Venturelli (Bortuzzo),  Pena, De Bon, Scarcelli (Chiaramonte), Menegazzi (Martari), Morganella All. Boni

Reti: –

Una Fortitudo meravigliosa 15 giorni fa contro il Villafranca, una Fortitudo inguardabile oggi contro il Trevenzuolo. Onore al Trevenzuolo che è forte e calcia benissimo in porta, ma gli ospiti hanno avuto la strada spianata da una inesistente formazione locale.  E’ trascorsa una settimana un po’ tribolata, ma questo non può spiegare ritardi nella convocazione, leggerezza nell’approcciare la gara, posizioni non rispettate, sordità ai richiami del mister e troppe ragazze completamente spaesate in mezzo al campo come se fosse la prima partita dell’anno (vedi Nogara). Per mister Boni quindi tanto lavoro in settimana per riallacciare i fili ed i comportamenti perduti in pochi giorni.

Giuseppe Boni

Serie B: NO GOAL

FORTITUDO MOZZECANE – AZALEE = 1 – 0
Reti: 65’ Cavallini
FORTITUDO: Venturini, Sossella, Welbeck, Pecchini, Salaorni, Caliari, De Vincenzi (89’ Ivanova), Piovani, Cavallini, Caneo (78’ Rasetti), Cutarelli (55’ Rizzi) AD Olivieri, Bertolotti, Ciresola Allenatore Manganotti
AZALEE: Moro, Del Raso, Segalini, Kote, Antonello, Seghetto (85’ Pegoraro), Peripolli, Czeczka, Barbini, Ferrario, Crestan (60’ Galati) AD: Cartelli, Solis, Brunini All. Prestifilippo
Arbitro:  Ferro Francesco di Latisana Assistenti – , – di Verona
Ammonite:
Espulse: –
Continua la serie positiva della giovane Fortitudo che riesce a mettere sotto anche la forte squadra di Gallarate; da evidenziare come contro la squadra che annovera tra le sue fila il capocannoniere del campionato (Ferrario) la Fortitudo riesce per la prima volta a concludere una gara senza subire nemmeno una rete (applauso alla sorprendente Venturini). In un certo senso si potrebbe dire che Cavallini batte Ferrario 1-0. Per la cronaca c’è da ammettere che la Fortitudo ha disputato un incerto primo tempo sottomessa dalla pressione, dalla rapidità ed dalla squadra molto corta delle Azalee; dopo l’intervallo mister Manganotti ha apportato alcune modifiche rivelatesi decisive e grazie all’apporto di una monumentale Piovani ha preso in mano le redini del gioco tornando agli standard degli ultimi tempi e mettendo in mostra le solite geometrie. Non sembra vero che una squadra così giovane ed inesperta si esprima si questi livelli.
Nel primo tempo sono poche le azioni degne di nota anche perché la superiorità delle ospiti non trova sbocchi grazie al buon incontrismo di tutta la difesa; al 4’ un corner della Piovani poteva essere sfruttato meglio dalla Cavallini che sul primo palo gira mestamente; al 10’ la Barbini s’inserisce su un taglio verticale e per poco non riesce ad anticipare l’uscita della Venturini; al 22’ un vistoso spintone con le mani da dietro sulla Cutarelli non viene punito con il giusto penalty dal direttore di gara e quindi per la Fortitudo viene ancora rimandato l’appuntamento col primo rigore a favore della stagione.
Il secondo tempo è di segno completamente opposto anche se il primo tiro (ed ultimo) scagliato verso la porta è della Czeczka ma Venturini si disimpegna con sicurezza; al 53’ finalmente la prima manovra gialloblù degna di nota con Caneo che gioca su Cavallini, apertura verso De Vincenzi che al momento del cross scivola e mette fuori un palla potenzialmente pericolosa; al 65’ arriva il goal capolavoro della Cavallini dopo che Piovani ha cercato in area la Rizzi, girata di testa verso la bomber che senza pensarci su nemmeno un secondo calcia di prima intenzione ed disegna una traiettoria incredibile che s’insacca sotto la traversa dalla parte opposta, una rete che solo Lei poteva immaginare e realizzare; al 70’ ancora Cavallini smarca Rizzi che cambia fronte per l’inserimento della frizzante De Vincenzi la quale arrivata sul fondo mette dentro una palla insidiosa che Cavallini in controtempo non aggancia ed un difensore per poco non insacca nella propria porta; al 75’ un cross della Sossella pesca Cavallini che in veste di playmaker gira sulla De Vincenzi anticipata di un soffio; al 78’ ancora Cavallini infila per Rizzi che viene anticipata di poco dalla Moro; al 80’clamoroso rigore negato alla De Vincenzi che arriva prima sulla palla e viene spazzata via da un difensore che non tocca palla; al 90’ incomprensione difensiva e Pecchini a porta vuota potrebbe segnare il 2-0 ma un difensore salva sulla linea e sul proseguo dell’azione Piovani dalla distanza spara una bordata che sibila vicinissima al palo.
Il campionato adesso prevede due turni di riposo che dovranno servire alla banda Manganotti per affilare al punto giusto tutte le armi a disposizione in modo da fare bella figura e semmai togliersi qualche sassolino dalla scarpa contro le big del campionato (Intermilano e poi Valpolicella). Nell’attesa tutti seduti davanti alla TV mercoledì sera in occasione della trasmissione Obiettivo Dilettanti su TeleArena in cui saranno ospiti i nostri Luciano Mecenero e Francesca Salaorni.
AL VOLANTE: “Caro amico ti scrivo, così mi distraggo un po’. E poi ti saluto per sempre”
Giuseppe Boni

P7: NON E’ SANTA LUCIA

SANTA LUCIA – FORTITUDO MOZZECANE =   3 – 1 (2-0, 2-1, 0-0)
Fortitudo: Sala, Venturelli (Bortuzzo),  Pelorosso (Pena), De Bon, Scarcelli (Chiaramonte), Ferracuti, Morganella (Martari) All. Boni
Reti: Chiaramonte
I tre tempi sono stati tutti equilibrati ma in fondo si poteva fare e sperare in qualcosa di più, anche se bisogna ammettere che la rapidità, la tecnica ed il gioco dei 34 2006 del Santa Lucia è molto buona. E’ mancata un po’ più di prontezza in fase difensiva e di lucidità in fase di ultimo passaggio. Ad ogni modo le babies gialloblù hanno mostrato di avere delle ottime potenzialità. Il primo tempo viene deciso da due rasoiate angolate dei locali, mentre sul fronte opposto la coppia d’attacco non mette a frutto alcune buone situazioni; il secondo tempo è stato più emozionante e una positiva Ferracuti avrebbe avuto sul sx la palla del 2-2 ma il tiro è finito tra le braccia del portiere dopo che Chiaramonte aveva riaperto la partita con un furbo goal di rapina; il terzo tempo, salvo gli ultimi minuti, ha visto una Fortitudo tentare il tutto per tutto per fare un goal della vittoria senza però trovare il guizzo vincente.  FORZA FOR-TI-TU-DO!!!!
Giuseppe Boni

PRI: PARTITA GIOCATA CON CUORE

FORTITUDO MOZZECANE- PRO SAN BONIFACIO= 1-1

Fortitudo Mozzecane: Perina, Costantini, Venturelli (60° Adami F.) Adami G., Malvezzi, Dellera, Magalini (capitano), Scarcelli, Savioli (45° Negrin), Ciresola, Gastaldelli.
A disposizione: Terrazzani, Adami F., Negrin, Semeghini.
Pro San Bonifacio: Frigotto, Faccio, Pirmati, Bampa (capitano), Tavoso, Cengia, Fiorini, Tirapelle, Bonvicini, Fattori, Ferroli.
A disposizione: Mirandola, Zanini, Bogdanic.

La partita di oggi vede schierate in campo due squadre veronesi.
L’ inizio per la Fortitudo non è dei migliori, infatti, dopo soli 10 minuti la squadra del Pro San Bonifacio va in vantaggio grazie ad un buon tiro di Fiorini.
Le ragazze del mozzecane sono costrette a rimboccassi le maniche per cercare di recuperare il risultato.
La Fortitudo in questa prima parte é in difficoltà e fatica a portare a conclusine le azioni offensive create. Rispetto alle ultime gare quella di oggi vede le ragazze del Mozzecane meno grintose.
Al 20° arriva la prima occasione da goal per la Fortitudo che però non riesce ad approfittare.
Dopo un primo momento incerto di difficoltà, le ragazze gialloblù si riprendono iniziando a giocare con più lucidità e determinazione; questo però non basta per raggiungere il pareggio. Il San Bonifacio continua ad insistere e a tenere sotto pressione le avversarie cercando più volte di aumentare il loro vantaggio, non riuscendo però nell’ intento grazie all’ attenta difesa gialloblù.
Anche per la Fortitudo arriva  la prima importate occasione da goal con, un bel passaggio filtrante  in area, che però le ragazze sembrano non volerlo sfruttare.
Dopo solo pochi minuti si ripresenta la possibilità per la Fortitudo di pareggiare ma, anche  questa volta se la lasciano sfuggire.
Riprende il secondo tempo ma la situazione non migliora.
I primi minuti di questa seconda parte della partita sono stati poco intensi e privi di azioni convincenti.
Al 60° ennesima occasione da goal per la Fortitudo che però, ancora una volta, non la sfrutta.
Le ragazze del San Bonifacio continuano il loro gioco ma in questo secondo tempo hanno diminuito la loro pressione mentre la Fortitudo continua insistentemente a cercare di raggiungere il meritato pareggio.
Le ragazze gialloblù non si arrendono e fino alla fine lottano per il goal.
Quando ormai la partita sembra finita con un’ immeritata sconfitta, arriva il goal di Gastaldelli allo scadere dei 3 minuti di recupero.
Dopo un primo tempo incerto e, dal punto di vista del gioco, abbastanza equilibrato, il secondo ha visto le ragazze della Fortitudo più preparate dal punto di vista tattico dal momento che hanno avuto molte occasioni da goal.
Oggi le ragazze di entrambe le squadre hanno disputato un’ ottima gara e escono dal campo a testa alta.

Valentina Bindella