Uno zero a zero che va stretto alle padrone di casa

Fortitudo Mozzecane – Unterland Damen 0-0

Fortitudo Mozzecane: Venturini, Pecchini, Welbeck, Signori, Caliari, Salaorni (43’ pt Marconi), Martani (26’ st Bonfante), Carraro, Peretti (43’ st Bottigliero), Caneo (14’ st Piovani), Gelmetti.

A disposizione: Olivieri, Malvezzi, Marconi, Mele C., Bonfante, Bottigliero, Piovani.

Allenatore: Simone Bragantini.

Unterland Damen: Schroffenegger, Turani, Marmentini (30’ st Bon), Menegoni, Amort, Barbacovi, Turrini (4’ st Peer), Dallagiacoma, Pasqualini (26’ st Ferraris), Ernandes, Muco (19’ st Targa).

A disposizione: Spitaler, Ferraris, Settecasi, Varrone, Targa, Bon, Peer.

Allenatore: Massimo Trentini.

Arbitro: Gauzolino (Torino).

Assistenti: Valerio e Bergamini (Verona).

La Fortitudo Mozzecane, dopo l’1-1 della scorsa domenica in casa con il Pordenone, trova un altro pareggio in casa contro l’Unterland Damen. Il punto conquistato sta abbastanza stretto alle ragazze del tecnico Bragantini, viste le numerose occasioni create durante la partita. Si è visto tanto gioco, soprattutto nel secondo tempo, quando le gialloblù hanno spinto per trovare i tre punti, ma purtroppo è mancata concretezza.

Subito dopo il fischio di Gauzolino si capisce che è una partita movimentata e ricca di occasioni da gol, infatti al 2’, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Dallagiacoma colpisce al volo e manda la palla sopra la traversa. Al 7’ le ospiti si rendono ancora pericolose, sempre con Dallagiacoma, che calcia all’altezza del dischetto di rigore e una deviazione le impedisce di siglare il vantaggio. Dopo dieci minuti durante i quali si vede l’Unterland Damen creare pericoli, ecco che le gialloblù iniziano ad alzare il ritmo del gioco: al 12’ Martani, dopo un tunnel, mette in mezzo per Gelmetti, che viene anticipata e per poco non riesce a colpire il pallone; al 14’ Gelmetti si libera del difensore rivale con un sombrero e serve Peretti, che colpisce di testa ma non riesce a dare forza.

Le padrone di casa iniziano a dominare il gioco, grazie a una difesa attenta e a un attacco mobile e ispirato, ma manca il guizzo giusto per segnare il gol del vantaggio. La più grande occasione del primo tempo arriva al 39’, quando Gelmetti lancia Martani verso la porta con un filtrante preciso, ma la numero 9 gialloblù, da posizione defilata, spara alto.

Il secondo tempo si apre con Martani che prova a restituire il favore all’ex Agsm: l’attaccante mette in mezzo ma Gelmetti, praticamente sulla linea di porta, scivola e da terra non riesce a spingere in rete il pallone. Al 10’ è la Fortitudo che rischia di andare in svantaggio, quando Pasqualini, sfruttando una disattenzione della difesa, si invola verso la porta, salta Venturini e si trova davanti la porta completamente vuota, ma anziché calciare perde tempo e si fa recuperare dalla retroguardia gialloblù.

Dopo questo brivido la Fortitudo riprende ad attaccare e al 22’, in una mischia in area di rigore avversaria, Gelmetti prima e Carraro dopo calciano a colpo sicuro verso la porta difesa da Schroffenegger, ma in entrambi i casi i difensori riescono a murare. Dopo soli tre minuti Peretti, dal limite dell’area, apre il piatto e prova a piazzare: il portiere resta immobile ma il tiro esce di pochi centimetri. Fino al triplice fischio le padrone di casa provano a segnare, ma le ospiti, seppur in difficoltà nel secondo tempo, tengono e portano a casa un pareggio che sta stretto alle gialloblù. Risultato finale 0-0.

Riccardo Cannavaro
Foto: Graziano Zanetti Photographer
Copyright © Tutti i diritti riservati