Chievo Fortitudo Women – Vittorio Veneto 1-0

 

Chievo Fortitudo Women: Ferrarini, Bonfante, Pachera, Cigolini (23′ st. Zappa), Malvezzi, Bernardi, Sartori (1’st. Bottigliero S.), Bonotto (31’st. Croin), Schenato (44’st. Zoetti), Mele (cap.), Marcomini (1’st. Faccio).
A disposizione: Magalini, Mazzi, Bottigliero A., Menegazzi.
Allenatore: Crestani, Carazzato.

Vittorio Veneto: Da Ronch, Gava V., Gava C., Campagna, Martin’s, Da Ros, Perin (15’st.Lion), Chies, Trevisiol, Roveretto (1’st. Brovedani), Bortolin.
A disposizione: Facchin, Gallina.
Allenatore: Zoni.

Le gialloblù tornano finalmente a giocare in casa, dopo le ultime due partire in trasferta, e il campo reso fangoso dalla pioggia costante preannuncia una gara di grande combattimento fisico.

L’approccio alla sfida è subito positivo, al 10’ Pachera ci prova dalla distanza con un calcio dal limite. ma il portiere avversario trattiene con sicurezza. Al 14’ risponde l’ esterno alto del Vittorio Veneto, con una palla spiovente insidiosa dalla trequarti destra che Ferrarini, attenta, devia fuori. La sfera scivola e si fa fatica ad addomesticare, il gioco si sposta dunque su passaggi alti, contrasti e ribattute.

Al 24’ ancora Fortitudo con Cigolini, che riesce a raggiungere il fondo campo palla al piede e a mettere un insidiosissimo rasoterra in area, su cui si precipita Marcomini a tutta velocità. Ma il tiro finisce all’esterno. Ancora Cigolini, al 35’ serve bene in profondità la nostra punta, Schenato, che in accelerata taglia fuori la difesa. Una volta raggiunta la palla, la posizione del tiro è troppo defilata e la palla smuove solo la rete esterna. Appare chiaro, però, che la le clivensi stiano mettendo in campo la giusta grinta, concedendo poco nelle retrovie e non risparmiandosi nelle mischie a centrocampo.


La ripresa inizia con un’occasione clamorosa per la punta del Vittorio Veneto, Trevisol, che quasi dalla linea di fondo calcia in porta. La palla si stampa sul palo e ritorna in area, su cui arriva una compagna di reparto. Ferrarini però recupera la posizione ed esce in tempo, ribattendo il tiro. La risposta della Fortitudo non si fa attendere, all’8’ la neo entrata Faccio, con un colpo di testa su cross dalla sinistra, indirizza nell’angolo, ma la palla esce di un soffio.

Al 31’ il Vittorio Veneto rischia l’autogol, quando su cross di Bonfante il difensore avversario svirgola la palla che rimbalza sul palo. La partita si fa sempre più concitata, il risultato è in bilico ed entrambe le squadre cercano il gol per sbloccare la gara. Al 38’ arriva l’occasione forse più clamorosa della partita, quando Faccio, ricevuta palla sulla linea di fondo, salta due avversarie e crossa rasoterra in centro. La palla attraversa in diagonale tutta l’area, ma nessuna gialloblù riesce ad appoggiare in porta. Al 44’, però, la grinta e la tenacia delle ragazze clivensi vengono finalmente premiate: Bonfante, dall’esterno destro, crossa in mezzo, Schenato spizzica di testa ma il portiere ribatte. A rimorchio però arriva Bottigliero S. che con un deciso colpo di testa gonfia la rete.

L’arbitro assegna 4 minuti di recupero che si giocano al cardiopalma, con una buona occasione sia per il Vittorio Veneto sia per Croin che, palla al piede, ormai allo scadere del tempo, punta la porta e calcia potente. La difesa serra i ranghi e il fischio finale segna la prima vittoria per le nostre ragazze, premiate per averci creduto fino alla fine.