Coppa Italia: 8 gol dalla Juventus

Coppa Italia: 8 gol dalla Juventus

CHIEVO FORTITUDO WOMEN-JUVENTUS: 0-8

CHIEVO FORTITUDO WOMEN: Olivieri, Bonfante, Pavana, Salaorni, Mele, Carraro, Tardini, Faccio (2’st Bertolotti), Benincaso, Boni (9’st Carabott), Martani (19’st Dallagiacoma). A disposizione: Salvi, Caliari, Faccioli, Peretti, Pecchini. Allenatore: Pasotto.

JUVENTUS: Tasselli, Giordano, Panzeri, Sembrant (1’st Salvai), Sikora, Caruso, Galli (1’st Pedersen), Bellucci, Staskova, Bragonzi, Maria Alves (20’st Bonansea).  A disposizione: Giuliani, Hyyrynen, Gama, Cernoia, Rosucci, Girelli. Allenatore: Guarino.

Arbitro: Sfira (Pordenone). Assistenti: Scifo e Dallasanta.

Reti: 18’pt Caruso, 30’pt, 45’pt, 45’st Bragonzi, 41’pt Bellucci, 12’st Salvai, 13’st Maria Alves, 40’st Giordano.

Trovarsi di fronte le campionesse d’Italia non capita tutti i giorni e sicuramente, fa tremare le gambe. Le gialloblù hanno fatto il possibile per fermare la corazzata bianconera ma non c’è stato molto da fare. Infatti, le clivensi hanno incassato otto reti.

Al 18′ arriva il vantaggio firmato Caruso. La bianconera lascia partire un tiro potente e preciso dove Olivieri non può arrivare. Il Chievo si fa vedere al 21′ quando Martani conquista un calcio d’angolo. La formazione clivense prova a farsi vedere in avanti nonostante il possesso di palla delle scudettate. Al 30′ arriva il raddoppio, questa volta a gonfiare la rete ci pensa Bragonzi. La numero 22 si libera nello stretto, si mette la palla sul destro e calcia in rete. Il pubblico di casa protesta per un possibile fuorigioco ma l’arbitro non ci pensa due volte e concede il gol. Al 41′ arriva il tris: Staskova tira in porta, Olivieri respinge ma sulla ribattuta si avventa Bellucci che insacca. Le gialloblù provano a difendersi ma la forza delle avversarie è devastante. Al 45′, prima del duplice fischio, arriva il quarto gol e la doppietta per Bragonzi. Per le gialloblù alla mezz’ora del primo tempo si segnala la bella azione di Martani che parte sulla destra, si libera del difensore mette in mezzo la palla che trova Boni che però calcia debolmente e non riesce a insaccare.

Nel secondo tempo al 12′ arriva la cinquina: Salvai, lascia partire da fuori area un diagonale che Olivieri non può respingere. 5-0. Passa solo un minuto e arriva il gol del 6-0 che sancisce la fine del “primo set”. Questa volta a gonfiare la rete è Maria Alves che sulla respinta di Olivieri si fa trovare pronta e insacca. Negli ultimi cinque minuti arrivano i gol di Giordano e Bragonzi (tripletta) che chiudono definitivamente la contesa sull’8-0.

Una partita che sicuramente le ragazze, al di là del risultato, ricorderanno.

Chievo e Fortitudo in visita all’ospedale Borgo Trento

Chievo e Fortitudo in visita all’ospedale Borgo Trento

Una mattinata diversa per le ragazze gialloblù. Infatti, Francesca Salaorni e Zoe Caneo rappresentanti del Chievo Fortitudo Women questa mattina, assieme ad alcuni giocatori del ChievoVerona (Cesar, Giaccherini, Garritano, Esposito e Cotali) sono andate a visitare alcuni bambini del reparto di pediatria dell’ospedale Borgo Trento.

Elisa Cinti, collaboratrice del Cfw presente assieme alle gialloblù alla visita guidata all’interno del reparto spiega: “Ci hanno accompagnati al reparto di pediatria dove sono presenti i bambini con lunga degenza, ovvero coloro che devono aspettare per fare degli esami oppure stare in osservazione. Assieme alle ragazze e i giocatori della squadra maschile, accompagnati dalle infermiere, abbiamo visitato il reparto regalando magliette e pandori”. Continua Cinti: “Le infermiere ci hanno fatto visitare anche la sala giochi allestita all’interno del reparto per i bambini e la stanza adibita alla scuola, dove i bambini possono comunque continuare ad imparare e divertirsi. In questi giorni stanno preparando i lavoretti di Natale”.

La risposta da parte dei piccoli appassionati c’è stata: “Abbiamo visto i bambini molto contenti della nostra visita e abbiamo scoperto che c’erano dei veri tifosi del Chievo”. Conclude: “E’ stata una mattinata molto bella ma allo stesso tempo molto toccante. Si tratta di una realtà che fa pensare e chi non ti lascia incolume”.

Un ringraziamento al ChievoVerona per le foto concesse.

Serie B: ko 5-1 a Napoli

Serie B: ko 5-1 a Napoli

NAPOLI CALCIO FEMMINILE-CHIEVO FORTITUDO WOMEN: 5-1

NAPOLI: Russo, Schioppo, Cameron,Cavicchia, Chatzinikolau, Gelmetti, Oliviero, Groff, Nencioni, Koubassova (24’st Coda), Tammik. A disposizione: Parnoffi, Georgiou, Massa, Asta, Cutillo, Sibili. Allenatore: Marino.

CHIEVO FORTITUDO: Salvi, Faccioli, Salaorni, Caliari, Pecchini, Mascanzoni, Caneo (14’st Boni), Peretti, Bertolotti (14’st Carraro), Carabott (14’st Tardini), Martani. A disposizione: Olivieri, Benincaso, Mele, Faccio, Pavana, Dallagiacoma. Allenatore: Zuccher.

Arbitro: Barbiero di Campobasso. Assistenti: Salvatori e Serra (sezione Tivoli)

Reti: 3’pt Chatzinikolau, 35’pt Gelmetti, 5’st Mascanzoni, 12’st Gelmetti, 19′ Gelmetti, 40′ Coda.

Ko pesante (5-1) in quel di Napoli. La formazione gialloblù non è riuscita a portare a casa punti dalla trasferta in Campania. La partita parte subito in salita: al 3′ arriva il primo gol delle biancocelesti con Chatzinikolau che, su calcio d’angolo riesce a staccare di testa e scavalcare Salvi. Al 35′ arriva il secondo gol delle padrone di casa: Gelmetti da fuori area lascia partire un tiro-palombella che sorprende Salvi e finisce in rete. Un eurogol dell’ex che chiude il primo tempo sul 2-0.

Nella ripresa le gialloblù scendono con la convinzione che nulla è ancora perduto. Infatti arriva il gol del 2-1. Punizione: Salaorni trova sulla destra Faccioli che mette in mezzo una palla che Mascanzoni di testa sfrutta al meglio e insacca. 2-1 e tutto riaperto. Le gialloblù creano altre 2-3 occasioni e realizzano il gol del pareggio ma viene annullato per un fuorigioco dubbio. Al 12′ arriva la doccia fredda: 3-1 in contropiede di Gelmetti. Le squadre si allungano e soprattutto le gialloblù provano a salvare il salvabile ma arrivano i gol del 4-1 (Gelmetti) e del 5-1 (Coda).

A bocce ferme mister Zuccher dice: “C’è rammarico per come è andata la partita. Il risultato non rispecchia l’andamento della gara e la partita, al contrario di quando direbbe il risultato, è stata equilibrata”. Continua: “Ci siamo trovati sotto dopo tre minuti e la partita era già in salita e anche il secondo gol è stato un eurogol dell’ex Gelmetti”. Due episodi che hanno spento sul nascere le velleità delle clivensi (oltre al gol del pareggio annullato). “Sapevamo che erano uno squadrone e lo hanno dimostrato, meritando di vincere”.

Il mister però non butta via tutto di questo pesante passivo: “Sono soddisfatto della partita delle mie ragazze. Sono sempre rimaste in campo e mi è piaciuta la reazione e l’atteggiamento che hanno messo in campo, soprattutto nel secondo tempo. Ripartiamo da queste buone basi per preparare la prossima sfida”.

Zuccher: “A Napoli capiremo il nostro valore”

Zuccher: “A Napoli capiremo il nostro valore”

Non c’è più tempo per le chiacchiere. Il momento è arrivato. Domani infatti, allo stadio Casamarciano (ore 14.30), le gialloblù di mister Zuccher sfideranno la capolista Napoli (14 punti: 4 vittorie, 2 pareggi e 0 sconfitte) in una partita che si preannuncia scoppiettante. Le clivensi arrivano da due vittorie consecutive e le napoletane non vorranno certamente lasciare punti a una rivale per il salto di categoria. Come ogni vigilia, il mister presenta la partita.

“Conosciamo la squadra e come giocano. Di solito scendono in campo con il 4-3-3. Prediligono il gioco offensivo e visto l’organico hanno tutte le caratteristiche per farlo. Vengono dalla sconfitta con la Roma in Coppa Italia ma si tratta dell’unico scivolone che hanno commesso sin qui quindi questo passo falso non pregiudica il loro valore”. Continua il mister: “Ci aspettiamo una gara difficile sapendo che in casa le napoletane danno il meglio di sè. Ci metteremo alla prova e cercheremo di metterle in difficoltà”.

In casa gialloblù il momento è positivo e occorre sfruttarlo: “La squadra sta bene e dopo le ultime due vittorie il morale è alto. Le ragazze si sono allenate bene quindi siamo pronti per fare bene”. Conclude il mister: “Alle ragazze chiederò di scendere in campo per mettere in difficoltà la capolista, così possiamo capire quanto realmente sono più forti di noi, a che punto siamo e dove possiamo arrivare”.

Bertolotti: “A Napoli non abbiamo niente da perdere”

Bertolotti: “A Napoli non abbiamo niente da perdere”

Le due vittorie consecutive, tra campionato e Coppa Italia, dimostrano che il Chievo Fortitudo Women ha superato il momento difficile di inizio stagione. Infatti, con i due risultati utili consecutivi la squadra ha ritrovato la fiducia che sembrava smarrita e la serenità che permette di scendere in campo a convinte dei propri mezzi. Domenica le gialloblù saranno ospiti della capolista Napoli. Un test importante che mette di fronte due formazioni tra le più quotate del campionato. Lo spettacolo non mancherà e, come spiega la centrocampista Giorgia Bertolotti (due gol in due partite), le clivensi non avranno nulla da perdere.

Giorgia, siete reduci da due vittorie consecutive. Si può dire che avere superato il momento negativo?

Eravamo in un momento negativo perchè i risultati non arrivavano ma per il clima che c’era nello spogliatoio era tutt’altro che negativo. Questa serenità ci ha aiutato a far arrivare i risultati che attendavamo. Domenica abbiamo una partita difficile e anche se dovesse andare male non sarà un dramma. La vittoria o la sconfitta fanno parte del gioco quindi dovremo rimanere comunque positive.

Domenica affronterete la capolista Napoli. Che partita ti aspetti?

Loro sono prime e partono con i favori del pronostico ma posso dire che noi non abbiamo nulla da perdere. Non sarà semplice perchè si tratta comunque di una trasferta impegnativa, giocheranno in casa e avranno i tifosi dalla loro parte. Per noi però niente è impossibile perchè con il valore della nostra squadra possiamo portare a casa qualsiasi partita.

Hai timbrato il cartellino sia nell’ultima partita di campionato contro il Cittadella e sia domenica scorsa in Coppa contro la Novese. Senti di essere in un momento di forma e di essere importante per la squadra?

Sono contenta di aver segnato due gol soprattutto perchè giocando a centrocampo non sono abituata a segnare. Domenica scorsa ho giocato più avanti come seconda punta e sono riuscita a segnate e anche in campionato, giocando da trequartista riesco ad andare alla conclusione con maggior assiduità. Sto bene fisicamente e all’interno della squadra. Il mio contributo, che parta da titolare o subentri, riesco a darlo sempre ed è apprezzato quindi sono contenta.

In questa stagione ci sono state tante novità, a partire dall’affiliazione con il ChievoVerona. Cosa pensi di questo progetto?

Quest’anno abbiamo iniziato con grande entusiasmo anche grazie a questa novità dell’affiliazione con il Chievo. Le basi sono rimaste le stesse e anche questo ci ha aiutato a consolidare il lavoro fatto negli anni scorsi. Si sono aggiunte delle figure professionali competenti che posso dire siano il valore aggiunto. Siamo molto seguite anche dal Chievo maschile e questo è un motivo d’orgoglio. Affiancare, oltre allo stemma consolidato del Chievo, anche quello della Fortitudo può portare a far conoscere anche questa piccola realtà.

Quando scendi in campo senti la pressione di rappresentare una società blasonata come quella clivense?

Siamo più seguite dello scorso anno visto che rappresentiamo il Chievo ma il mister e la società ci mettono nelle condizioni di giocare tranquille e di non sentire questa pressione. La gente da noi si aspetta tanto e noi cerchiamo sempre di dare il massimo ma non ci puntano la pistola alla testa.

Hai un obiettivo per questa stagione?

Mi piacerebbe continuare di questo passo e visto che ho segnato già due gol mi piacerebbe realizzarne altri. Uno tira l’altro, come si dice.

A livello di squadra dove potere arrivare?

Il valore della nostra rosa è molto alto. Abbiamo il giusto mix di giovani che puntano in alto e ragazze con grande esperienza. Abbiamo chi corre e chi è brava tecnicamente. Siamo un insieme che può arrivare in alto. La classifica in questo momento è ancora bugiarda, le avversarie sono tutte forti ma penso che ce ne siano poche o forse nessuna forte come noi se riusciamo a mettere in campo il nostro vero valore.