Cala il sipario

Cala il sipario

BRAVISSIME: E stata un’annata straordinaria, culminata con un risultato incredibile, per tanti versi inaspettato, ma che ci riempie di gioia e di soddisfazione. Vi assicuro che l’estate scorsa è stata molto, ma molto travagliata per numerose problematiche, e di conseguenza l’inizio del campionato ci ha visti un po’ in difficoltà, tanto che venivamo già dati per “spacciati” dopo alcune partite, ma il “cuore matto” che si è messo a battere all’unisono dentro al petto di ogni ragazza ha fatto la differenza e ci ha portati a raggiungere questo prestigioso traguardo che per tutte queste ragioni acquisisce ancor più valore. Siamo tra le 24 squadre più importanti d’Italia (un’Italia che parteciperà al mondiale con tutte ragazze che hanno giocato almeno una volta sull’impianto di San Zeno), nonostante Mozzecane faccia solo 7000 abitanti e sia quindi il Comune più piccolo delle 24.
Molto bene si sono comportate tutte le altre cinque compagini delle Fortitudo (nella storia mai superate le 100 tesserate e le 5 squadre al via), grazie a dei gruppi ben affiatati, motivati ed attaccati ai colori gialloblù della propria società.
Va sicuramente menzionata anche la stupenda annata vissuta da Chiara Mele tra nazionale under 16 ed under 17 e diverse esperienze in campo europeo.

GRAZIE A TUTTI!!! La stagione sportiva si è conclusa con una bellissima festa finale ed è quindi arrivato il momento di ringraziare tutti coloro che hanno dato il loro piccolo o grande contributo alla causa Fortitudo, che hanno sempre tifato per noi e che ci hanno sostenuto nei momenti di difficoltà. Impossibile elencare tutte queste persone per cui il GRAZIE SENTITISSIMO va a tutti i Dirigenti, a tutti i collaboratori (cuochi, camerieri, arbitri, guardalinee, magazzinieri, fotografi, cameramen, addetti al campo o alle pulizie), a tutti gli STAFF tecnici, quelli sanitari, ma soprattutto a tutte le ragazze hanno dato il loro massimo affinché ogni squadra (la loro squadra) potesse raggiungere il proprio obiettivo.
Ovviamente GRAZIE anche a tutti gli sponsor, all’Amministrazione Comunale di Mozzecane, alla Polisportiva ed a tutti coloro che ci seguono dal vivo e/o sui social o anche semplicemente a quelli che ci stimano e che ci apprezzano.

RICAMBIO: Sul campo di San Zeno, attraverso questo sport, non inseguiamo solo RISULTATI SPORTIVI, ma coltiviamo tanta SALUTE fisica e mentale, insegnamenti e soprattutto tanti RAPPORTI INTERPERSONALI, tante AMICIZIE e tante EMOZIONI.

B NAZIONALE: La prossima stagione è già alle porte. I nuovi vertici federali richiedono un innalzamento del livello societario complessivo e quindi  per tutti noi si tratta di affrontare una nuova e stimolante sfida, con un maggior livello di responsabilità nei confronti del calcio femminile italiano e con la richiesta di una maggior professionalità ed autonomia individuale; la Fortitudo si ritrova nell’elite del calcio femminile italiano e per tutte le nostre tesserate questa sarà una grandissima opportunità per mettersi in mostra!!

Un FORTE abbraccio a tutti, come quelli post-partita ben conosciuti dalle ragazze di serie B!
BUONA ESTATE e BUONE VACANZE!!!

Pulcine: Babies gialloblù

AZZURRA NOGAROLE – FORTITUDO MOZZECANE 3-2 (4-0; 1-0; 4-4)

FORTITUDO: Ballerini, Maioli, Perina, Bertaiola, Gamberoni, Foggetti

Reti: Maioli 3, Gamberoni

Si chiude così la stagione calcistica 2017-2018 delle babies gialloblù con un’ennesima prova convincente nonostante il risultato non ci veda vincitori di questa gara, ma a parte il primo tempo regalato agli avversari e non per scarse capacità ma bensì perché la maratona di ieri a Borghetto e giocare in 6vs6 su un campo da 7 ci ha visti nettamente andare nel pallone; ma nelle altre due frazioni di gioco, con qualche accorgimento tattico e capite le posizioni da tenere per non andare in affanno la musica è cambiata.
Ballerini da 10 in pagella, inizia l’anno calcistico molto confusionata, la palla passa di qua e di la senza tanto capirne e poi ora che succede? Toh, un portierino da far invidia a tutti, si tuffa, si accartoccia, para con i piedi come il mitico Garella e persino neutralizza anche qualche calcio di rigore!!! Esempio di buona volontà e spirito di squadra e sacrificio. Grazie Ilaria
Maioli da 10 in pagella, data la sua giovane età si presenta di certo, con un fisico del genere, non una calciatrice ma potrebbe essere una cestista di basket, invece nonostante un 40 di piede da governare oggi ti rifila una strepitosa tripletta, che in altri campionati esteri si sarebbe pure portata a casa il pallone del match. Grazie Giorgia
Perina da 10 in pagella, arriva da 6 anni di hip hop e con il calcio non ha nulla a che vedere, nei primi allenamenti la palla sembrava impazzire al contatto con lei, invece ora una terzina di fascia con una discreta gamba. Grazie Nicole
Bertaiola da 10 in pagella, il capitano (o capitana che dir si voglia), colei che in ogni dove quando come e perché si è caricata la squadra sulle spalle dando ordine in difesa e proponendo per l’attacco, equilibrata in ogni circostanza e pronta di sicuro al salto di categoria, oggi è mancato solo il gol ma andandoci molto vicina colpendo un palo, rimane comunque un’annata da lode. Grazie Sofia
Gamberoni da 10 in pagella, inizio dell’anno vuole giocare in porta e per ogni allenatore che gli si presenta un’idea del genere è oro che cola, in più succede che è pure brava, si muove bene, comanda la difesa, richiama la difesa, para e si getta sui palloni senza paura, salva partite e su campi al limite della praticabilità ti sfodera anche un ottimo senso di calcolo del rimbalzo del pallone; ora invece gioca fuori dimostrando un buon piede e segna!!! Grazie Silvia
Foggetti da 10 in pagella, la più mingherlina di tutte, una ventina di kili in tutto quando è vestita, ma con un nervo e una visione della porta che alla sua età (classe 2010) difficile da trovare in qualsiasi vivaio, dotata di una discreta tecnica e buon piede, di sicuro tra le più promettenti in casa Fortitudo. Grazie Elisa
Sgreva da 10 in pagella, il (la) bomber della squadra, ormai è stato perso il conto delle reti segnate quest’anno da lei, più di 40 in 22 gare ufficiali (senza tornei e amichevoli), una punta che in futuro potrebbe tingersi d’azzurro se continua su questi livelli, con un sinistro micidiale e chirurgico, dove non arriva col fisico arriva con grinta e rabbia, vede la porta come poche!!! Grazie Alessia
Pozza da 10 in pagella, sinceramente forse all’inizio dell’anno era tra le meno equipaggiate per questo sport, credendo che il calcio era una scampagnata tra amiche con quei due occhioni e quella vocina con la risposta sempre pronta ad ogni richiamo, e invece ora? Terzina di fascia con un bel sinistro, colpisce la palla di testa, batte calci d’angolo pericolosi, padroneggia sia in fase difensiva che in quella offensiva, insomma la corsia di sinistra è completamente sua!!! Ah, eppure quando è servito ha giocato pure in porta. Grazie Asia
Cappellaro da 10 in pagella, all’inizio distratta e disordinata, arrivata al calcio come figlia d’autore (mamma ex calciatrice) e prima bambina nella Fortitudo come seconda generazione, di sicuro una grande responsabilità da sopportare, ne esce che al suo primo anno fa notevoli progressi su fondamentali e di impostazione, istintivo era prendere la palla con le mani, ora l’istinto è calciare la palla con i piedi e per di più con una buona precisione. Dote in più rispetto alla mamma, da quanto si narra, di una ottima grinta da vendere!!! Grazie Giorgia
Bonetto da 10 in pagella, l’altra capitana della squadra denominata 2010, altro esempio di chi non molla mai e non si da mai per vinta, ottima tecnica e tenacia dentro al campo, mai una parola fuori luogo fuori dal campo, sempre composta e un carattere morbido ne fa solo che esaltare le sue qualità di trascinatrice, e alla prima da capitano da non dimenticare pure che ha siglato anche una doppietta!!! Grazie Sara
Harim da 10 in pagella, la meno dotata all’inizio di tecnica, ma con un duro lavoro e molto impegno si è vista poter ricoprire più ruoli, dal portiere all’attaccante, se continua così con questa grinta può raggiungere buoni livelli. Grazie Yousra
Zampini da 10 in pagella, tecnicamente la più dotata, con una postura da vera calciatrice, con i suoi piedi potrebbe illuminare il gioco ovunque, nel calcio maschile potrebbe indossare la casacca numero 10 tranquillamente, resta da vincere una leggera paura, più una cosa mentale che se dovesse accantonarla non ce né più per nessuno. Grazie Lidia
Magalini da 10 in pagella, la più piccolina di tutto il gruppo (classe 2011), la più sorridente di tutto il gruppo, la più timida, la più ordinata, la più impacciata all’inizio, la più silenziosa, la più….e tanto la più!!! Colpire la palla di testa non è cosa semplice, e lei lo fa; colpire la palla convinta non è cosa semplice, e lei lo fa; ascoltare non è cosa semplice, e lei lo fa. Grazie Mysia
Concludendo tutto, penso che una frase non sia mai stata la più azzeccata, e cioè…. crederci sempre e mollare mai!!!
Si perché questo gruppo ha insegnato che se si crede in un progetto i risultati arrivano nonostante le difficoltà e le premesse che non erano di certo confortanti.  Va dato merito in primis alle ragazze per il sacrificio, e poi a tutti coloro che hanno girato attorno a queste campionesse, staff e gruppo genitori senza mai abbattersi e sempre positivi!!!
Buone vacanze

Torneo “In riva al Mincio”

Torneo “In riva al Mincio”

FORTITUDO MOZZECANE – SETTIMO PESCANTINA 0-2
FORTITUDO MOZZECANE – VALEGGIO ROSSO 0-2
FORTITUDO MOZZECANE – VALEGGIO BLU. 0-6

FORTITUDO MOZZECANE – VALEGGIO ROSSO 0-2
FORTITUDO MOZZECANE – SETTIMO PESCANTINA 0-3

FORTITUDO: Magalini A., Pozza (Bonetto), Perina (Magalini M.), Bertaiola, Maioli, Sgreva (Foggetti), Gamberoni (Ballerini)

Torneo in riva al Mincio, nella suggestiva rinomata e ricca di storia borgata Borghetto di Valeggio S/M., al quale era impossibile non accettare l’invito a partecipare.
La Fortitudo si presenta a questa manifestazione come unica squadra totalmente di fiocco rosa, contro compagini di elevato nome ma quel che più desta preoccupazione è il fatto di non partecipare alla nostra categoria ma bensì quella superiore per alcune, e per altre addirittura due, alla quale abbiano partecipato le nostre calciatrici nei campionati autunnali e primaverili, cioè primi calci 2009 e piccoli amici 2010. Ci siamo inseriti nella categoria pulcini 2008, quindi giocando a 7 e non a 5 come nostra abitudine, mettendo in formazione annate dal 2007 al 2011, con la consapevolezza di dover continuare a raccogliere palloni in fondo alla nostra rete, e invece che succede? Si, è vero, abbiamo pur perso tutte e 5 le partite, ma comunque facendo traballare le gambe ai pari età maschietti, e in più di qualche occasione sfiorando, e c’è da dire che alla fine del torneo ci si sarebbe aspettato di diritto, il gol!!! Solo in una partita c’è stato un switch off generale delle gialloblù dove tutto evidentemente è andato storto, ma nelle altre quattro creando in media almeno 4/5 occasioni da rete, che vuoi per imprecisione (vedi Foggetti però classe 2010) che per sfortuna come la traversa (vedi Gamberoni classe 2008 e di norma portiere) la palla non è entrata. Quindi dopo tutto ciò c’è da fare un grossissimo applauso a tutte indistintamente, e da dire che è aumentata la consapevolezza della crescita delle Fortitudine in maniera esponenziale. Le ragazze hanno ricevuto complimenti da tutti, e dico proprio tutti, gli addetti ai lavori; rimasti a bocca aperta nel vedere come le ragazzine di mister Turina e Boni, che per l’occasione di oggi erano una squadra unica, si sono comportate in campo con voglia e dedizione tecnico-tattica, caparbie e arcinie nel voler tenere il campo. Riporto qualche frase che ci è stata riferita come “complimenti ci avete messo in seria difficoltà”, o “ma questi però hanno anche un paio di ragazzine in campo!!!”, eh no sono tutte ragazzine gli è stato risposto, quindi comunque convinti di aver di fronte dei pari sesso ma proprio perché questa grande differenza non si è notata.
Brave brave brave veramente, vista anche la giornata completamente estiva, questo però, per chi ci lavora sopra su queste ragazze, non deve essere un traguardo ma un buon punto di partenza dove costruire la Fortitudo Mozzecane C.F. del futuro.
Facciamo inoltre una nota di merito all’arbitro della finale del 3/4 posto, gara diretta dal famoso Sig. Cinciripini della sezione di Ascoli Piceno in alias Alessandro Maioli (papà di Giorgia Maioli), rivisitato in arte e forma moderna più tondo che lungilineo.

LP

I numeri della Fortitudo

I numeri della Fortitudo

L’impresa compiuta dalla Fortitudo 2017-18 è stata senza dubbio eccezionale e, lasciando da parte per un attimo le sensazioni, le emozioni vissute nel corso della stagione, ci sono i freddi numeri a testimoniare tutto questo:

 

Più punti di tutte fuori casa (35), + vittorie di tutte fuori casa (11)

Più punti di tutte secondo tempo (64)

Più punti di tutte recupero primo tempo (34)

Più punti di tutte recupero secondo tempo (41)

+3 punti rispetto ad un girone d’andata già positivo

34 punti solo ritorno dietro al San Bonifacio (35)

Più pareggi di tutte in casa (6), più pareggi di tutte consecutivi in casa (3)

Meno sconfitte di tutte in casa (1)

Più vittorie di tutte consecutive (6), più vittorie consecutive di tutte fuori casa (7)

Più reti di tutte fatte (85), più reti di tutte fatte fuori casa (48)

Più rimonte di tutte effettuate (11)

Più marcatori di tutte per squadra (15)

Più reti di tutte fatte dai panchinari (11)

Meno espulsioni di tutte (0)

Più ammoniti di tutte tra le avversarie (34)

Capocannoniere Martani (26) e unica Fedelissima della squadra (30su30)

Più subentrata Fortitudo Bottigliero (15), Più sostituita Fortitudo Signori (16)