Il Chievo Fortitudo Women ricorda Severino Provolo

Il Chievo Fortitudo Women ricorda Severino Provolo

Il Chievo Fortitudo Women piange la scomparsa di Severino Provolo, storico presidente della società San Martino Calcio Femminile che lui ha guidato per vent’anni. Provolo è stato un punto di riferimento per il calcio femminile veronese e la sua esperienza ha fatto crescere e dato visibilità a tutto il movimento.

La società è vicina alla moglie Wilma Avesani e ai figli in questo momento di dolore.

Ylenia Carabott: arriva da Malta il nuovo attaccante gialloblù

Ylenia Carabott: arriva da Malta il nuovo attaccante gialloblù

Il Chievo Fortitudo Women da pochi giorni ha ufficializzato l’acquisto dell’attaccante Ylenia Carabott, 30enne maltese che martedì sarà in campo nella sfida tra Malta e Italia.

“Sono molto felice di aver firmato per il Chievo Fortitudo, è un grande passo per me giocare lontano da Malta e credo che questa squadra sia la squadra giusta per me perchè può darmi la possibilità di migliorare il mio gioco. Spero, con la mia esperienza, di poter aiutare la squadra nel raggiungimento degli obiettivi stagionali”.

Ylenia, è cresciuta a pane e pallone, come racconta: “Gioco a calcio da 20 anni, da quando avevo 10 anni. Ho iniziato con i ragazzi perché all’epoca non c’era una squadra femminile per i bambini e a 14 anni ho iniziato con la squadra femminile di Hibernians dove ho trascorso 14 anni e ho vinto tutti i trofei nazionali. Durante quei 14 anni ho trascorso una stagione in prestito con un altro club Raiders e con Hibs ho vinto il premio capocannoniere della lega per 9 volte. Finora ho segnato 348 gol in 281 partite e ho collezionato 80 presenze in nazionale con 20 gol”.

Per questa stagione ha le idee chiare: “Mi aspetto che ce la giochiamo per la promozione in serie A. Non siamo partite bene ma credo nel team e penso che se ci concentriamo e combattiamo di più in campo possiamo ottenere dei buoni risultati. Mi sono allenata con la squadra e devo dire che durante la settimana si allena molto bene. Quindi mi aspetto che iniziamo a giocare bene anche nelle partite. Le condizioni per fare bene ci sono tutte”.

Salvi: “Ci manca un po’ di grinta ma possiamo arrivare in alto”

Salvi: “Ci manca un po’ di grinta ma possiamo arrivare in alto”

L’estremo difensore gialloblù Margherita Salvi, che in questo inizio di campionato ha blindato la porta deliziando persino il pubblico con parate spettacolari, racconta questo inizio di stagione e soprattutto la sua voglia di lasciare il segno dopo due stagioni poco produttive.

Margherita, cos’è mancato domenica a Roma che non vi ha permesso di portare a casa la vittoria?

In questo inizio di campionato ci manca ancora qualcosa davanti, in particolare un po’ più di cattiveria sottoporta che potrebbe farci fare la differenza. Non è un problema solo dell’attacco ma tutta la squadra deve migliorare.

Domenica giocherete la prima partita di Coppa Italia contro la Riozzese. Sarà una rivincita dopo la recente sconfitta per 4-3 in campionato?

Se giochiamo come sappiamo il risultato non sarà lo stesso. Cercheremo di fare il nostro meglio e di non commettere gli errori della partita di campionato. Il loro gioco ci mette in difficoltà e dovremo dimostrare di aver capito la lezione.

Le scorse annate hai giocato in serie A nel Mozzanica. Vedi differenze rispetto alla serie B?

La differenza c’è ma non più come anni fa. La maggior parte delle squadre di serie A sono associate al maschile e questo ha alzato ulteriormente il livello. In serie B speriamo che venga seguita questa linea così anche questo diventerà un campionato ancora più competitivo.

Come ti sei trovata in questo primo periodo di stagione con le compagne e lo staff?

Con la squadra mi trovo bene e anche con il mister e il mio preparatore. Sia Diego che Valerio sono molto preparati e sia con loro che con le compagne sono entrata subito in sintonia.

Secondo te la squadra, seppur avete giocato solo quattro partite, dove potrà arrivare?

La squadra è molto buona sia a livello tecnico e sia come gruppo. Ci manca un po’ di grinta in tutto l’ambiente, a differenza di squadre come Lazio e Napoli che sentono molto le partite, sia in campo che fuori, soprattutto quando giocano in casa. Questo può fare la differenza ma credo che comunque possiamo fare bene e arrivare in alto. Dipenderà tutto da noi.

Hai un obiettivo per questa stagione?

Tornare a giocare con continuità era già un obiettivo. Era da due anni che facevo il secondo a Mozzanica e tornare ad allenarmi bene e giocare era già un passo avanti. Il mister prende le sue decisioni e se sceglierà di farmi stare in panchina non ci saranno problemi. Io cercherò di farmi trovare sempre pronta quando sarò chiamata in causa.

Il weekend delle piccole gialloblù

Il weekend delle piccole gialloblù

Lo scorso weekend ha visto soltanto le Esordienti, fra le categorie più giovani del Chievo Fortitudo Women, scendere in campo. Le giovani clivensi hanno affrontato il derby contro l’Hellas Verona sul campo del Bottagisio. Dopo un buon primo tempo, terminato in pareggio, il secondo parziale si sbilancia in favore delle avversarie, con le clivensi apparse un po’ meno concentrare. Qualche spazio di troppo concesso, ne approfitta il Verona, che in meno di cinque minuti segna due gol. La reazione delle clivensi arriva con la rete che accorcia le distanze e riapre la gara, ma nel terzo parziale è ancora l’Hellas che, nel finale, impone il proprio gioco, aggiudicandosi la frazione e il match.

Le clivensi hanno messo in campo una prestazione più che positiva, mostrando i valori della squadra e i miglioramenti fatti fin qui. Ora il cammino prosegue, e gli insegnamenti di mister Vanoni si iniziano a vedere.

Under 17: sconfitta sotto la pioggia contro l’Udinese

Under 17: sconfitta sotto la pioggia contro l’Udinese

CHIEVO FORTITUDO WOMEN-UDINESE 0-4

Nel pomeriggio piovoso del Centro Bottagisio, le ragazze di mister Leonidevono arrendersi alle pari età dell’Udinese, più ciniche a sfruttare soprattutto il primo parziale di gioco. Le gialloblù, infatti, subiscono il primo gol dopo appena 1 minuto di gioco, e questo influenza la prestazione, elevando nervosismo e imprecisione. Il divario si amplia, quindi, il parziale finisce 0-3 per le friulane.

Nella ripresa, effettuati alcuni cambi strategici, il gioco ritrova equilibrio, e le ragazze gialloblù riescono a reggere il confronto con le avversarie, dotate di buona tecnica e spirito di squadra. La quarta e ultima rete arriva sul finire del match. In settimana, ci sarà modo di analizzare gli errori commessi, soprattutto nella prima parte della gara, in modo da prepararsi al meglio per la prossima sfida.